Saipem, Cao:su Delibera Consob non d'accordo, vediamo come evolve

Share

Oggi Saipem presenta la nuova strategia e i conti. Il giudizio di non conformità non inficia invece la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2017, che viene fatta salva, dopo che la Consob ha accolto le considerazioni presentate dalla società in merito ai rilievi formulati dagli Uffici competenti. Ma nel frattempo si adeguerà "entro 3 settimane" alla richiesta, predisponendo un prospetto economico e patrimoniale che tenga conto delle contestazioni. Saipem avrebbe dunque approvato i conti 2016 "senza avere corretto "errori rilevanti" contenuti nel bilancio" precedente relativamente a una serie di poste contabili ("immobili, impianti e macchinari", "rimanenze" e "attività per imposte").

"Non condividiamo quanto prospettato dalla Consob e il cda ha deliberato di impugnare la dcisione". L'Ebitda rettificato dovrebbe calare del 18,1% a 1,037 miliardi di euro, mentre l'Ebit è atteso a 379 milioni di euro. Un test importante in vista del rinnovo del board che scade in primavera e dovrà fare i conti con un nuovo governo. Inoltre, il consiglio di amministrazione ha deliberato di proporre all'assemblea di non distribuire il dividendo. "E' tutto appena successo vedremo come evolveranno le cose". La stiamo affrontando cercando di fornire al meglio tutte le informazioni che ci sono richieste.

Rifiuti, entro il 2020 due impianti di compostaggio a Roma
Saranno realizzati nella periferia nord ovest, uno a Cesano-Osteria Nuova nel XV Municipio, e uno a Casal Selce nel XIII. I tempi di realizzazione saranno di 9 mesi per l'iter autorizzativo e di 12-18 mesi per la realizzazione.

La vicenda Consob si inserisce in uno scenario già movimentato dagli arbitrati con Sonatrach, chiusi due settimane fa e costati tra i 150 e i 200 milioni di dollari: alcuni ex dirigenti di Eni e Saipem, tra cui l'ex ceo del Cane a Sei Zampe Paolo Scaroni, sono andati a processo per corruzione internazionale per presunte tangenti pagate in Algeria.

Share