Sarri: "Grande prestazione, dobbiamo dare il nostro 101%!"

Share

MOMENTO INTER - "Si tratta anche di qualità, non abbiamo mai mostrato un grande calcio".

"Cosa manca? La qualità". Il pareggio non accontenta i campani, che perdono la prima posizione e confermano che i ragazzi di Luciano Spalletti, sono una bestia nera quest'anno, dato che hanno perso 4 punti importanti tra andata e ritorno.

In zona salvezza vola il Crotone travolgendo una deludente Sampdoria, mentre un punto per uno tra Sassuolo (che sbaglia un rigore) e la Spal.

Addio sogno scudetto? Non siamo né la squadra più ricca né la più forte d'Italia: "non abbiamo l'obbligo di vincere, abbiamo l'obbligo di fare del nostro meglio e cercare di fare risultato contro chiunque". Errori da una parte e dall'altra, squadre che si allungano alla ricerca del vantaggio, ma la partita non si sblocca. Mauro invece è un grandissimo attaccante d'area di rigore. "Lo fa per spronarci, noi sappiamo di avere qualità, ma dobbiamo sempre dimostrarlo".

Il documentario "Hitler contro Picasso e gli altri" al Cinema Astoria
Hitler contro Picasso e gli altri: un volto inedito della violenzaJames Ensor - Maschere di fronte alla morte, 1888. Le parole di Toni Servillo si intrecceranno con interviste e testimonianze esclusive.

Tale atteggiamento disturba il meticoloso lavoro del Napoli che nn riesce a trovare il varco giusto, e soprattutto la zampata vincente del campione (cosa che alla Juve riesce).

Perciò è lecito chiedersi il perché di questa pesante uscita dell'allenatore dell'Inter nel corso delle interviste. L'aria in casa nerazzurra è tesa, le parole di Spalletti non hanno fatto piacere alla dirigenza che però ha imparato nel tempo a incassare, a non reagire alle critiche, a restare in comoda posizione defilata. Domanda a cui Sarri che ha replicato così: "Sei una donna carina e per questo non ti mando a fare in...".

The following two tabs change content below. Il centrocampo era il settore apparso più in difficoltà nel lungo inverno interista, e alla fine Spalletti lo cambia: i due ex-viola vanno in panchina, Rafinha fa il rifinitore e primo uomo-pressing, Gagliardini viene rispolverato, intercettando più di un pallone (e anche la tibia di Mertens al 38'), Brozovic lo affianca, con diligenza e pochi svolazzi. Collaboro con Calcio&MercatoT8 fin dai primi mesi in cui è nato il progetto. Se ai piani alti c'è la volontà di riportare l'Inter ai fasti di un tempo è necessario cambiare la rotta investendo sul mercato, comprando giocatori in grado di spostare gli equilibri attuali.

Share