Senato, Casellati: "Perdonate l'emozione, essere la prima presidente donna è responsabilità"

Share

"Le forze politiche pur nella dialettica diversa esprimono tutte l'intera collettività, la consapevolezza condivisa della comune legittimazione è la condizione essenziale per un buon governo - ha invece affermato Elisabetta Alberti Casellati, neopresidente del Senato - Il Senato e le Istituzioni tutte che definiscono la nostra forma Costituzionale riflettono in questa legislatura i cambiamenti profondi di un quadro politico ed inedito". Per la Casellati e anche per gli avvocati Piero Longo e Nicolò Ghedini (senatore di FI) che hanno presentato ricorso alla Corte di giustizia di Strasburgo, la Severino non può essere applicata su fatti retroattivi rispetto all'entrata in vigore della legge: la battaglia è ancora pendente e il Cavaliere spera di essere riabilitato per tornare in gioco e contrastare Salvini, che si presenta come leader incontrastato del centrodestra. "Un parlamento centrale è un Parlamento in cui i cittadini possono fidarsi". Dopo una lunga maratona di votazioni a Palazzo Madama, ma anche alla Camera si è proceduti in maniera analoga e parallela, alla fine è arrivato l'accordo per eleggere quella che è la seconda carica dello Stato. "Sono commosso - ha aggiunto Fico - è un bel momento per il Paese". Salito sull'autobus gli altri passeggeri non si sono mostrati sorpresi: "E' giusto che i politici prendano i trasporti pubblici", ha commentato una signora.

Camera, centrodestra si ricompatta.

Pioggia e vento, annullate le processioni della domenica delle Palme
Nella domenica delle palme le campane che suonano e il volo delle colombe bianche in cielo augurano a tutti una serena festa. Otto quintali di ramoscelli d'olivo sono partiti dalla Calabria per raggiungere Piazza San Pietro a Roma .

Ma all'assemblea congiunta dei gruppi, che doveva ratificare la candidatura di Riccardo Fraccaro, c'è stato un nuovo cambio di rotta. "Chi l'avrebbe mai detto...", risponde. Riemergono gli sfottò via social al Movimento 5 Stelle che oggi ha contribuito in maniera decisiva alla sua elezione. "Faremo la votazione, avverrà ciò che avverrà e ci manca poi il tassello del governo con Luigi Di Maio che dovrà essere il nostro premier e dovrà applicare il programma del M5S". In un decreto del presidente della Repubblica del 2008 è spiegato che "le segreterie dei sottosegretari di Stato operano alle dirette dipendenze dei sottosegretari di Stato, garantendo il necessario raccordo con gli uffici del Ministero e con gli altri uffici di diretta collaborazione" e che "i Capi delle segreterie dei sottosegretari di Stato sono scelti dai sottosegretari interessati anche fra estranei alle pubbliche amministrazioni". Il percorso che porterà alla formazione del Governo inizierà con la definizione dei gruppi parlamentari di Camera e Senato. Dai banchi del M5S, con i deputati in piedi, sono scattati subito gli applausi.

Il Pd ha deciso di votare al terzo scrutinio per l'elezione dei presidenti di Camera e Senato i candidati "di bandiera" Valeria Fedeli al Senato e Roberto Giachetti alla Camera.

Share