Torino, la prof che insulta i poliziotti: "Dovete morire". Renzi: "va licenziata"

Share

"Vigliacchi, mi fate schifo, dovete morire". Sta facendo discutere l'atteggiamento di una professoressa che, durante il corteo antifascista promosso a Torino la scorsa settimana, ha offeso i poliziotti che presidiavano la zona. La donna è stata ospite del programma Matrix ed ha spiegato il motivo per cui ha usato quel linguaggio indecoroso. "Gridava sempre e i bambini erano terrorizzati, finché un papà si è arrabbiato e allora finalmente l'hanno tolta dalla seconda B e adesso non so bene che cosa faccia" ha commentato Claudia, una mamma che ha un figlio in quella scuola dove insegna la professoressa dello scandalo.

Non è dello stesso avviso la diretta interessata che, intervistata dall'inviato di Matrix, afferma convinta: "Ho augurato la morte ai poliziotti perché in questo momento stanno proteggendo il fascismo". "Penso che andrebbe licenziata immediatamente". "Mezza cartuccia del c-o". Una insegnante viene pagata per educare alla cittadinanza nelle scuole...'.

Dipendenti pubblici: visite fiscali aumentano, calano giorni di malattia
Complessivamente nella Pubblica amministrazione le visite effettuate dal Polo sono ammontate a 144mila. A presentare i dati il presidente dell'istituto di previdenza Tito Boeri .

Lei è Lavinia Flavia Cassaro, docente dell'Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci di Torino. La donna è stata ripresa mentre augura la morte ai poliziotti, che si trovavano in loco per contenere l'estrema sinistra e mantenere l'ordine. Sono certamente anche loro delle persone, con pregi e difetti, ma ascoltare storie di giovani che fidandosi del loro insegnante vota a 18 anni alla cieca sempre per quei determinati partiti non può lasciare sordi. Ammette che quella torinese è una realtà molto particolare e che bisognerebbe entrare nel merito di quello che dicono i centri sociali. Così è comparsa negli scatti della manifestazione di Torino la professoressa che ha partecipato agli scontri nella città contro la presenza di Casa Pound.

Share