Triplete Juventus, Gonzalo Higuain ci crede: "Siamo ancora in corsa"

Share

Mi sono successe cose fuori dal campo che non si possono immaginare, cose assurde, non avete idea... mi hanno aperto gli occhi. Gonzalo Higuain e Paulo Dybala si sono presi la Juventus sulle spalle nel momento del bisogno e hanno trascinato la squadra di Massimiliano Allegri ai quarti di finale della manifestazione europea per club. Ho esultato con rabbia perché era un momento complicato, l'eliminazione era vicina e serviva una scossa. Il mio rendimento? Contro l'Udinese abbiamo vinto 6-2 ma io ero rimasto a secco. Ventiquattro ore dopo la partita di Wembley, Gonzalo Higuain ha parlato all'emittente argentina Radio Continental ed è tornato sia sull'ultima partita sia sulle sue condizioni fisiche dopo i problemi delle ultime settimane. Con Gigi ho un rapporto splendido, ha parlato dell'importanza dei valori del gruppo Juventus. Stavamo perdendo, ma la Juve non si arrende mai. Le critiche costruttive le ascolto, le altre no; mi fa piacere quando si aspettano ancora di più da me perché vuol dire che sono abituati a vedermi ad alti livelli. "Ho dato sempre il massimo lavorando in silenzio". "Al Mondiale andiamo per vincerlo, è il sogno di tutti". Da quando sono piccolo sognavo di giocare con le grandi squadre, l'ho fatto dai 18 ai 30 anni ad alto livello. Ma lo saremo anche noi per tutte le nostre avversarie.

Astori: l'ultimo saluto, funerali in Santa Croce
Voglio concludere con un aneddoto: eri tu, ogni mattina, ad accendere la luce della fisioterapia. Col tuo sguardo profondo riuscivi a entrare dentro lo sguardo delle persone e a rimanerci.

E quando in 2 minuti la Juventus è riuscita a ribaltare l'avverso destino con due stoccate che hanno messo ko gli avversari c'è chi - in provincia di Torino - non è riuscito a contenere la propria gioia e dal divano è scattato verso la tv urlando e festeggiando. Dovrò decidere il mio futuro con mia moglie, ormai da anni sono in Europa.

Share