Truffe, sgominata una gang a Varese: sequestro da un milione

Share

E' il bilancio dell'operazione "Hydra" condotta dalla Guardia di Finanza di Varese.

Le indagini durate circa due anni e mezzo, hanno consentito di segnalare all'Autorità giudiziaria 123 persone tra promotori, organizzatori dell'associazione e percettori delle indennità di disoccupazione, 82 società e accertare un danno complessivamente quantificato in circa 7.500.000 di euro. Coinvolte anche società di Bergamo.

Intestavano società a prestanome compiacenti per poi farle fallire, truffavano fornitori e imprenditori in giro per il mondo e assumevano e licenziavano falsi dipendenti per incassare indenità di disoccupazione dall'Inps. Nel caso di autovetture di grossa cilindrata queste erano esportate in Bulgaria, reimmatricolate e riportate in Italia.

Cadavere sul litorale casertano, è la donna scomparsa a inizio mese
Riproduzione vietata di ogni contenuto salvo diversa autorizzazione della redazione del nostro portale. La donna, originaria di Giugliano , si era trasferita nel Casertano dopo la separazione con il marito.

Infine, l'organizzazione avrebbe portato al fallimento le società controllate, sistematicamente distraendo dolosamente tutto o parte del patrimonio aziendale a danno dei creditori, e portandole alla bancarotta. I finanzieri hanno anche disposto il sequestro preventivo per equivalente di denaro e beni mobili ed immobili riconducibili agli indagati pari a circa un milione di euro.

In ogni caso, parte della merce sequestrata nel corso degli accertamenti, che comprende, tra l'altro, 116 tonnellate biocombustibile (pellets), n.8 tonnellate di metalli e semilavorati metallici e 3,5 tonnellate di rame, è stata restituita agli aventi diritto.

Share