Uomo armato prende tre ostaggi in un ospizio di reduci

Share

È stata una giornata di grande tensione in California. Un uomo armato ha fatto irruzione in un ospizio per veterani di guerra nel Napa Valley, la contea dei vini a Nord di San Francisco. Le vittime erano tre operatrici di un programma del Pathway Home per il recupero di ex militari affetti da disturbo da stress post-traumatico (Ptsd): una psicologa, Jennifer Gonzales di 29 anni, il direttore esecutivo Christine Loeber di 48, e il direttore clinico Jennifer Golick, 42. L'allarme è scattato attorno alle 10 del mattino ora locale, le 19 in Italia. I corpi sono stati ritrovati dopo una sparatoria, alla fine di una lunga trattativa intrapresa invano dalla polizia.

Nuovo allerta meteo della Protezione Civile: piogge e temporali
Anche in questo caso, l'unica consolazione arriva dalle temperature: la massima sarà intorno ai dieci gradi. Al Centro instabile con piogge e temporali più frequenti su Sardegna e regioni tirreniche; neve dai 1300m.

I negoziatori hanno cercato di convincerlo ad arrendersi e a liberare gli ostaggi, che si riteneva fossero ospiti di quello che è il più grande centro per reduci del Paese, la Veterans Home of California, subito isolata dalla polizia. Le tre donne erano dipendenti del centro di accoglienza. Secondo le autorità locali, l'uomo era un ex paziente del programma dal quale - ha riferito un parente di una delle vittime - era stato recentemente espulso.

Share