Vasco Rossi non ci sta: lo sfogo su Facebook del cantante

Share

Vasco Rossi, "1 marzo. otto mesi fa". La risposta non è certa, ma nella sua lunga invettiva lanciata con un post su Facebook il cantante sembra prendersela con coloro che gli si sarebbero scagliati contro per via del cambio di formazione dei suoi prossimi concerti: "Ai social-mentecatti, che mi immaginano nelle mani di altri o pensano di sapere come devo comportarmi, rispondo che Vasco Rossi sono io".

Il rocker emiliano ha recentemente annunciato la partenza del nuovo giro degli stadi italiani, che non vedrà la presenza Clara Moroni e Andrea Innesto, negli anni passati al suo fianco sui palchi.

Sassuolo, Carnevali chiama "professionalità" il suo rapporto con la Juve
Quanto la ferisce questa storia? " C'è una differenza fra Juve e Napoli, è minima però , è come dice la classifica". Sassuolo-Juve come un'amichevole.

"Ai pochi, sempre comunque molto attivi e rumorosi sui social, che sostengono dovrei ringraziare qualcuno o loro per primi per quello che sono o per quello che ho realizzato rispondo che io ringrazio sempre e solo il cielo e la chitarra". "Non le scrivo per compiacere, ma per comunicare", ha scritto il famoso cantante, raccogliendo l'incondizionata approvazione e il plauso di migliaia di fan. "E non devono piacere a tutti". Lo sfogo di Vasco è stato apprezzato dai fans che aspettavano da tempo una sua reazione alle critiche che si sono scatenate dopo l'annuncio delle convocazioni della band per il tour che, ricordiamo, sarà formata da: Matt Laug alla batteria, Claudio Gallo Golinelli al basso, Alberto Rocchetti alle tastiere e pianoforte, Frank Nemola alle tastiere, programmazione, cori e fiati, Stef Burns e Vince Pastano alle chitarre, Beatrice Antolini per i colori, le percussioni, il "synth" e i cori. Il Komandante si assume così la responsabilità della sua arte e di quello che comunica ai suoi fans che lo seguono sempre con tantissimo affetto. Niente e nessuno mi può condizionare. Per con. vincere! Questo faccio da quarant'anni e il mio popolo che mi conosce bene.

Share