Aggredito sotto casa a Milano da un rapinatore: è in condizioni gravi

Share

Nel filmato si vede il rapinatore in maglia nera, jeans e scarpe da ginnastica rosse parlare al telefono, guardarsi intorno e poi nascondersi dietro una colonna, attendendo l'arrivo dell'anziana vittima.

Un'aggressione di una violenza inaudita contro un anziano che stava rientrando a casa a Milano. Poi arriva l'anziano che rincasa con i sacchetti della spesa in mano.

Domenica Live, Barbara D'Urso si arrabbia in diretta con Alessia Mancini
Durante l'esperienza in Honduras sono nate parecchie tensioni tra i naufraghi che si sono scontrati diverse volte. Anche quella di ieri - 22 aprile - è stata una domenica turbolenta nel salotto di Barbara d'Urso .

Lo ha atteso nel cortile di casa e gli ha sferrato due pugni in volto facendolo cadere a terra. A quel punto si intuisce l'intento dell'aggressore, ovvero quello di rapinarlo: gli fruga nelle tasche spostando il corpo inerme del pensionato con l'intenzione di trovare il portafogli, sfila i soldi e si allontana con passo tranquillo. Si tratta di Chestor Caldararu, romeno di 29 anni, che è stato individuato dagli agenti 12 ore dopo la rapina avvenuta la mattina di sabato 21 aprile in via dei Valtorta, una traversa di viale Monza alla periferia di Milano. Il rapinatore si china sull'anziano privo di sensi e inizia a frugargli nella giacca.

Le Volanti fanno i primi accertamenti e la "caccia" viene poi affidata ai poliziotti della "Omicidi", la terza sezione della Squadra mobile. La polizia cerca un uomo robusto, sui trent'anni e lo trova nella notte tra sabato e domenica in alcuni palazzi della vecchia Milano. La foto segnaletica scattata dalla polizia Scientifica ritrae un uomo con la faccia tonda, doppio mento, barba non rasata, espressione all'apparenza indifferente. Mentre l'anziano resta in ospedale in condizioni delicate. Il suo profilo coinciderebbe con la sagoma ripreda dalle telecamere, il cui video nel pomeriggio di ieri è finito sui social registrando numerose condivisioni e commenti di sdegno.

Share