Attacco antisemita a Berlino: due uomini con la kippah insultati e aggrediti

Share

Due giovani, di 21 e 24 anni, he indossavano la kippah, tradizionale copricapo ebraico, sono stati aggrediti il 17 aprile da tre persone mentre passeggiavano per le strade di Berlino. Si sente un aggressore ripetere più volte "Yahudi", cioé ebreo in arabo. "Stavamo camminando tranquillamente, e non avevamo parlato con nessuno", spiega il 21enne colpito con la cintura e ferito per fortuna marginalmente. Nelle immagini si vede un ragazzo con un capellino usare la cintura come una frusta che poi viene allontanato da un uomo mentre un donna urlava di chiamare la polizia. Poi il giovane aggredito esclama: "Ebreo o non ebreo, dovrai fare i conti con questo". Il filmato dell'attacco è stato poi postato su Facebook e Youtube, attraverso il JFDA, Jüdisches Forum für Demokratie und gegen Antisemitismus, che ha diffuso la notizia e la clip. Adam ha denunciato l'indifferenza dei passanti. "Io ti sto filmando", lo ha anche avvertito. Secondo la polizia, si tratta di un'aggressione di stampo antisemita, riferisce la Bild online. Tre uomini iniziano a insultarli per la loro religione, fino a che il giovane gli intima di fermarsi e smetterla e a quel punto il putiferio: "si sono arrabbiati e uno di loro è corso verso di me". Ancora più dura la responsabile del Ministero della Giustizia, Katarina Barley, che ha condannato in toto il gesto ignobile: "E' insostenibile che ebrei in Germania siano attaccati all'aperto in strada, nel mezzo di Berlino".

'Mi metta sei, qui comando io': prof bullizzato da un alunno
L'aggressione è avvenuta venerdì, da allora il ragazzo che ha subito una frattura al braccio non è ancora tornato a scuola . E poi, puntandogli il dito in faccia, aggiunge: "Lei non ha capito niente.

La portavoce del governo Merkel, Ulrike Demmer, in una conferenza stampa, ha definito l'episodio "intollerabile" sottolineando come attacchi del genere mettano a repentaglio la tenuta di una società democratica.

Share