Caffè utile anche contro il diabete di tipo 2

Share

Si torna a parlare del caffè perché pare che questa bevanda possa avere degli effetti benefici per la nostra salute. Soprattutto per quanto riguarda le donne: uno studio dell'Università di Porto aveva rilevato che le pazienti diabetiche che bevavano regolarmente caffè o tè vivevano più a lungo rispetto alle donne con diabete che non ne consumavano, mentre un secondo studio, condotto su 70.000 donne, consigliava di bere una tazzina di caffè dopo il pasto per ridurre il rischio di sviluppare il diabete del 33 per cento. Per ogni tazzina consumata si ridurrebbe fino al 7% il rischio di sviluppare il diabete mellito non insulino-dipendente.

I ricercatori in particolare hanno preso in esame le proprietà biochimiche della bevanda. Per comprendere le cause di questo fenomeno, gli scienziati hanno esaminato i meccanismi biochimici della bevanda, scoprendo che l'effetto benefico sarebbe dovuto alle sue proprietà antiossidanti. Nello specifico è stata una ricerca condotta dal department of Nutrition in Community della faculty of Nutrition appartenente al Nutrition Research Center del Tabriz University of Medical Sciences di Tabriz (Iran) a testare l'effetto di un infuso di camomilla nei confronti del iperglicemia e diabete.

Essendo quello pubblicato su Nutrition Reviews uno studio di revisione, le evidenze epidemiologiche che mettevano in correlazione l'incidenza della malattia diabetica e il consumo moderato di caffè, da 3 a 5 tazzine al giorno (quantità ideale e massima consigliata dagli esperti), esistevano già.

Governo, Di Maio attacca Salvini e minaccia: "Pronto a chiudere"
D'altra parte è pur sempre vero che i panni sporchi si lavano in famiglia , ma ci sarà bisogno di un esercito.di lavatrici. Dal Movimento 5 stelle è arrivato un vero e proprio ultimatum.

Concedersi alcuni caffè al giorno, inoltre, riduce i marcatori che provocano le infiammazioni croniche di basso grado (non ci si accorge che sono in atto) collegate ai disturbi cardiovascolari e al diabete.

Nel 2016 l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha eliminato il caffè dalla lista degli alimenti cancerogeni e da allora una serie di studi e ricerche hanno evidenziato tutti i vantaggi di questi miracolosi chicchi.

Share