California, caffè può provocare cancro

Share

Un giudice dello Stato della California ha deciso che i produttori dovranno informare i clienti, con etichette 'ad hoc' come per le sigarette, che la bevanda può causare il cancro. In questo caso la sostanza pericolosa sarebbe l'acrilammide prodotta durante la torrefazione ad alte temperature.

Si tratta di una sostanza che si produce nella fase di preparazione ma è presente anche nella bevanda finale, seppur in lievissime quantità.

Il caffè può essere cancerogeno e le società americane che lo vendono hanno il dovere di avvertire i consumatori. L'acrilammide - riporta l'Efsa, l'Autorità europea sulla sicurezza alimentare - si trova in alimenti come patatine, patate fritte a bastoncino, pane, biscotti e caffè.

Una notizia che ha fatto il giro del mondo visto che il caffè è sempre stato considerato un prodotto senza gravi conseguenze per la salute dell'uomo. L'Oms ha tra l'altro smentito il legame tra caffè e cancro alla vescica, individuando al contrario un'azione benefica nella protezione da carcinoma a fegato e utero.

Napoli, Albiol: "Juventus economicamente più forte, ma il discorso scudetto..."
Se questo può essere l'anno buono? Il 31enne difensore spagnolo ha parlato anche della di Sarri e del sogno scudetto . Siamo quasi lo stesso gruppo di giocatori. "La sua idea di gioco si adatta molto bene alle nostre caratteristiche".

Per quanto riguarda invece il benessere dal punto di vista della fertilità, la caffeina va ad aggiungersi ad altre sostanze che possono essere assunte seguendo quella che comunemente viene definita dieta mediterranea, e che consentirebbero di far aumentare la produzione di spermatozoi da un minimo del 72 ad un massimo del 95 per cento.

Starbucks, una vera e propria istituzione del caffè negli Stati Uniti, per ora mantiene il silenzio sulla sentenza californiana, mentre la National Coffee Association (Nca), l'associazione che raggruppa i produttori, in un comunicato ha sottolineato come le etichette sul rischio cancro possono fuorviare i consumatori. Le aziende produttrici si sono difese sostenendo che l'acrilammide non è dannosa per i consumatori e che eliminandola si perderebbe l'aroma tipico del caffè. La risposta dei produttori non si è fatta attendere.

"Secondo le direttive guida dietetiche del governo americano - si legge - il caffè è parte di uno stile di vita salutare".

Share