Diritti tv, maxi-pacchetto da 380 partite di Mediapro

Share

L'intesa "win-win" tra Sky e Mediaset per lo scambio di piattaforme e l'avvio della cessione di parte delle attività di Premium rafforza entrambi i gruppi creando problemi a Vivendi che progetta un gruppo media "latino", ma nei fatti rende più facile un accordo tra i francesi e il Biscione.

La scelta degli spagnoli è quella di mettere in "stand by" la pubblicazione dei pacchetti, inizialmente attesa entro martedì. Con 24 ore di anticipo Mediapro, il colosso spagnolo che si è aggiudicato i diritti domestici del campionato per il triennio 2018-2021, vincendo il bando da intermediario indipendente, ha versato i 50 milioni attesi come primo anticipo (compresa l'Iva importo comprensivo è di 64.050.061 euro). Ma quest'ultimo potrebbe accendersi solo dal 2021. Sky aspetterà che si finalizzino gli adempimenti finanziari di Mediapro o si siederà prima al tavolo per trattare?

Ma questo contrasta con le idee di Sky, che non vuole nè i pacchetti così suddivisi nè affidare a Mediapro quello che loro fanno da anni.

Lieve scossa di terremoto in Val Germanasca
Questa sera, venerdì 30, alle 19.59 si è avvertita una lieve scossa di terremoto ( magnitudo 2.5) in Val Germanasca. Nuova fortissima scossa di terremoto colpisce la Papua Nuova Guinea .

Diritti tv: Sky pronta a far causa? Bollorè appunto, che sa quanto Mediaset sia forte proprio nel Paese iberico, dove invece Vivendi manca del tutto.

Mediapro, infatti, dovrebbe presentare un'offerta tenendo conto delle otto fasce orarie che andranno a comporre il campionato italiano già dal prossimo anno, e che lo avvicinerà ulteriormente al format che è in vigore da tempo nella Liga spagnola.

Share