Fabrizio Frizzi santo? Risponde un sacerdote postulatore

Share

L'uomo è stato proposto per la canonizzazione e Don Romano Gambalunga ha fatto capire non essere una pretesa assurda. "Di sicuro questo consenso popolare così contagioso può essere interpretato come 'fama di santità', il termine con cui noi postulatori definiamo un primo segnale importante per aprire un processo di canonizzazione", ha detto il religioso intervistato dal settimanale diretto da Sandro Mayer, facendo riferimento alla commozione popolare seguita alla morte di Frizzi. Persone che dentro di loro pensano: 'Aiutaci, Fabrizio'.

La proposta arriva dal settimanale DiPiù che si chiede se "è possibile che un personaggio della tv diventi Santo per la Chiesa?".

Adesso apprendiamo che tutto questo potrebbe rappresentare l'inizio di un nuovo cammino.

Dramma a Messina: bimba di 5 anni muore durante una festa
Forse uno shock anafilattico , è questa una delle prime ipotesi, ma sarà l'autopsia adesso a stabilire con più certezza la causa. I genitori hanno portato la bambina in un locale di Saponara per la festa di un suo amichetto, e si sono fermati lì.

Alfonso Signorini parla di Frizzi e della sua morte a Matrix: "Fabrizio era consapevole di essere condannato, sapeva che non aveva scampo. Questo furor di popolo può essere il primo passo per cominciare a indagare sulla santità di Frizzi, ma è una strada lunga", ha rimarcato a Di Più il postulatore carmelitano Gambalunga. Davvero di pessimo gusto è stata infatti la notizia messa in circolazione su Facebook, un'immagine che ritrae Fabrizio Frizzi con accanto un didascalia che recita così: "Ho sempre sognato un governo a 5 stelle, spero che un giorno ce la facciano, se lo meritano".

Sulla base di ciò, il sacerdote, anche lui meravigliato e "stimolato come postulante" dall'affetto che circondava Frizzi, e che ora ne circonda il ricordo, ritiene "possibile" che il presentatore venga in futuro canonizzato: il fatto che sia stato un personaggio dello spettacolo e che abbia lasciato l'ex moglie Rita Dalla Chiesa per "scappare" con un'altra donna, insieme alla quale tuttavia era rimasto solo per un breve periodo; il divorzio dalla stessa Dalla Chiesa, con la quale tuttavia aveva costruito poi un ottimo rapporto di amicizia, e il fatto che avesse avuto una bambina quando non era ancora sposato con la sua seconda moglie, Carlotta Mantovan, secondo don Gambalunga non dovrebbero ostacolare il processo.

Un pensiero quest'ultimo che in tanti sicuramente condivideranno.

Share