Forte scossa di terremoto nelle Marche: torna l'incubo sisma

Share

Dopo la scossa, Trenitalia ha deciso di sospendere a scopo precauzionale la circolazione lungo l'intera linea Civitanova Marche-Macerata per effettuare controlli sulla tenuta della strada ferrata. La circolazione dovrebbe riprendere in mattinata.

Terremoto, trema ancora l'Italia centrale. Sono state registrate oltre 10 repliche in meno di due ore, tra cui due di magnitudo 3.5 alle ore 5.46 e alle 6.03.

Il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, ha bloccato tutti gli accessi alla zona rossa, "tranne quelli delle ditte specializzate che stanno lavorando". Divieto in particolare per i cittadini che ancora oggi - spiega all'ANSA - "vanno a recuperare oggetti personali dalle case inagibili". La scossa ha provocato il crollo del piccolo campanile della chiesa del '600 a Muccia. Lo stesso dice il sindaco di Muccia, Mario Baroni: "Stiamo controllando sia le casette che le case rimaste agibili".

La scossa è stata avvertita in maniera "molto forte" a Norcia, in Umbria. L'INGV scrive che l'evento ha avuto coordinate geografiche (lat, lon) 43.07, 13.04 ad una profondità di 9 km. "Si ricominciano ora i sopralluoghi - ha aggiunto - per verificare che la tenuta statica degli edifici sia adeguata".

Non risultano al momento comunque feriti.

Brescia: litiga per una ragazza e investe con l'auto sette persone, fermato
Sul posto del fatto si trova la Polizia Stradale di Brescia per gli accertamenti e per gestire il traffico. Inseguito dal proprietario del bar vicino a dove è avvenuto l'investimento è stato poi bloccato.

Scuole chiuse. Oggi chiudiamo le scuole. Dopo il forte sisma del Centro Italia del 2016, nella zona di Muccia la terra era tornata a tremare con frequenza e intensità già da alcuni giorni. L'epicentro di questa ultima scossa di magnitudo 4.7 e' stato a 53 km da Perugia, 65 da Terni e 85 dall'Aquila. Abbiamo attivato tutte le procedure ma per ora non sono segnalati danni a persone o cose. Il sisma e' stato avvertito anche in Umbria, nel Lazio e in Abruzzo.

In molti si sono fiondati al telefono per avere informazioni da Vigili del Fuoco e forze dell'ordine. Diverse invece le segnalazioni e i commenti su Facebook. Alle 5,46 si è registrata una replica di 3.5. Altre verifiche sono in corso.

Quella di questa mattina è la più forte, ma non l'unica scossa di questi giorni. Epicentro il piccolo Comune di Ocre (1000 abitanti circa) alle porte della periferia est del capoluogo di Regione. Discorso a parte nelle Marche dove sembra che si cominciano a rilevare alcuni danni.

"Questo terremoto - spiegano sul sito dell'Ingv - come gli eventi avvenuti avvenuti negli ultimi giorni in questa zona, ricadono nell'area della sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 con l'evento di magnitudo Mw 6.0 avvenuto nei pressi di Amatrice e Accumoli (Ri) e culminato con l'evento sismico del 30 ottobre 2016 di magnitudo Mw 6.5".

Share