Game of Thrones: finite le riprese della battaglia più grande di sempre

Share

Manca ancora tanto all'ottava e ultima stagione de Il Trono di Spade, in onda nel 2019 (già, ma in quale mese?), e le bocche degli attori della serie cult di casa HBO per adesso sono pressoché cucite e sigillate col silicone.

L'assistente alla regia di alcuni episodi de "Il Trono di Spade", Jonathan Quinlan, ha pubblicato un post su Twitter con la seguente dicitura: "55 notti consecutive".

Chiaramente stiamo parlando di Game of Thrones, la serie record targata HBO, capace di vincere ben 12 Emmy nel 2016, entrando così nella storia del piccolo schermo.

Incidente in A10, autostrada chiusa nel tratto tra Aeroporto e Pegli
Intorno alle 6 di questa mattina un incidente che vede coinvolto un camion ha causato rallentamenti al traffico sulla A10. I vigili del fuoco e il personale di Autostrade per l'Italia sono ancora sul posto per le operazioni di bonifica.

La foto, poi cancellata dal social, immortalava un messaggio di ringraziamento della produzione verso tutti i partecipanti alle riprese. Per aver sopportato il freddo, la neve, la pioggia, il fango, la merda di Toome e i venti di Magheramorne. 11 settimane. 3 location. Intervistato da Digital Spy, il buon Joe ha confessato di essere stato estremamente contento di essere stato chiamato per filmare gli episodi della S07, e di essere stato ancora più contento di essere sopravvissuto fino alla S08 per poter vedere "la resa dei conti", salvo poi correggersi e specificare che le riprese non avvengono seguendo l'ordine cronologico della narrazione, dunque di fatto non è detto che Gendry arriverà vivo fino alla fine. La didascalia recitava "Questo dice tutto".

Infatti i riferimenti alle location di Toome e Magheramorne lasciano pensare che il teatro della più grande battaglia della storia di GOT sarà Grande Inverno, fortezza degli Stark. Non vedrete mai più niente del genere " La lettera originale potete vederla qui sotto.

L'uscita dell'ottava e ultima stagione di Game of Thrones è prevista per il 2019.

Share