Gelmini: parteciperemo a governo solo se 5S riconosce Berlusconi

Share

E nuove distanze si aprono nella coalizione Lega-Forza Italia-FdI a causa delle parole "estemporanee" di Berlusconi.

Braccio di ferro tra Fi e MoVimento cinque stelle nel primo giorno del secondo giro di consultazioni al Quirinale.

"Mai un governo con Berlusconi e Forza Italia". Di Maio: non capisco Salvini.

Governo: Alt di Fi: 'Accordo con M5s solo se riconosce il Cav'. "Sono più attento alla sostanza che alla forma". Allora abbiamo chiesto a un comitato scientifico di valutare la compatibilità dei nostri programmi. Ma ognuno dei due è convinto che sia l'altro a dover fare un passo indietro e ieri non hanno avuto nessun. "C'è anche una sinergia tra i nostri gruppi all'interno degli uffici di presidenza e nei lavori della commissione speciale", sottolinea Di Maio.

Addio a Taviani, maestro del cinema
Vinse, assieme a Paolo , la Palma d'Oro a Cannes nel 1977 con Padre Padrone e l'Orso d'Oro a Berlino con Cesare non deve morire . Nel 1954 abbandona gli studi e, sempre insieme al fratello e a Orsini, realizza una serie di documentari a sfondo sociale.

Dopo il vertice di palazzo Grazioli, Forza Italia ribadisce il muro contro muro con i 5 Stelle. "Non comprendo come Matteo Salvini si stia ostinando con questa coalizione di centrodestra". "Sarebbe ora di dirlo chiaramente a tutti gli italiani". "Ci attendiamo dalle altre forze politiche, a partire dal Movimento Cinque Stelle, altrettanta responsabilità". L'ultimo affondo arriva da Silvio Berlusconi. "I numeri sono numeri - aggiunge Salvini - e in questo momento non ci sono. Riflettano Di Maio e i 5 stelle e rivedano certe posizioni per il bene del Paese".

"Ho apprezzato l'apertura da parte di autorevoli esponenti del Pd". Lo dice Maurizio Martina, parlando a nome della delegazione Pd al termine delle consultazioni al Quirinale, citando il sociale, il lavoro, il rilancio europeo. "O la smettono o si vota".

Il leader degli azzurri rende merito anche a tutti i candidati del centrodestra che "hanno deciso di mettersi a disposizione dei molisani". "Il Paese - ha precisato- ha il bisogno di scelte chiare: chi ha prevalso ha il dovere di dire cosa vuol fare senza continuare con i balletti di polemiche pubbliche che nascondono solide intese di occupazione" di incarichi.

Share