Il Pride di Milano fa litigare Lega e Cinque Stelle

Share

Il Pride è una manifestazione che accoglie, integra e diffonde la cultura del rispetto per tutte e tutti. Così come da sindaco aveva fatto per la stessa manifestazione a Varese il neo Governatore Attilio Fontana conferma la sua intenzione in un'intervista a Lettera43: "Non l'ho dato a Varese e non credo lo daremo nemmeno qui. Ma ne dobbiamo parlare con gli alleati".

Gay Pride manifestazione "divisiva" che non va sostenuta, anche perchè "non bisogna sbandierae il sesso". "Io sono eterosessuale, ma non è che faccio una manifestazione per accreditare la mia eterosessualità".

Non appare invece divisiva per Fontana una manifestazione quale la Giornata della Famiglia, al cui riguardo intende, come il predecessore Roberto Maroni, far illuminare il Pirellone con la scritta Family Day. Lo rifaremo e non credo sia una scelta divisiva. Tutti riconoscono il valore della famiglia. "E' nella Costituzione ed uno dei fondamenti della nostra civiltà".

Milly Carlucci: "La De Filippi a Che tempo che fa? Spiazzante"
Milly Carlucci intervistata da Vanity Fair , parla tra le righe ma lancia qualche frecciatina a Maria De Filippi e non solo. Siamo un'azienda che cambia pelle in continuazione, a ogni elezione .

"Fontana sbatte la porta in faccia ai diritti civili - scrive in una nota la consigliera lombarda dei 5 stelle Monica Forte -. La Lombardia e Milano sono, da sempre, citta' simbolo della lotta per i diritti umani, e i pride difendono conquiste di parita' tutt'altro che scontate". L'eurodeputato Daniele Viotti ha dichiarato: "Il presidente leghista ha deciso di stare dalla parte di chi discrimina, bullizza e usa violenza".

"La sua è una scelta antistorica, che vuole riportarci al medioevo del pregiudizio e della discriminazione".

Share