Il raid razzista contro Cécile Kyenge era una fake news

Share

MODENA Un gesto vile, fatto di notte, che ha colpito l'europarlamentare del Pd, Cecile Kyenge.

Le feci imbratte contro la casa dell'ex ministro Cecile Kyenge a Gaggio in Piano, frazione di Castelfranco Emilia (Modena), non sarebbero state un episodio di razzismo ma una piccola vendetta da parte di un vicino. "Ignoti, nella notte, si sono introdotti nel cortile della sua abitazione vandalizzandone le pareti - osserva il segretario provinciale del Pd modenese, Davide Fava -". A denunciarlo era stata la stessa Kyenge, che aveva ricevuto la solidarietà del Partito Democratico e di altre forze politiche. 'Nell'esprimere vicinanza all'Onorevole Cecile Kyenge, oggetto di un gesto esecrabile ed ingiurioso e che qualifica lo spessore umano di chi lo ha commesso, auspichiamo che tali atti non abbiamo più a ripetersi. Piena solidarieta' e vicinanza per Ce'cile Kyenge vittima di atti vandalici per il suo impegno a favore della convivenza e della integrazione multiculturale'. Il clima di odio sociale, prevalentemente alimentato sui social media, ora sta, purtroppo, tracimando anche nella realtà quotidiana, forse rafforzato dalla vittoria alle elezioni politiche di forze che, non di rado, hanno assunto posizioni dichiaratamente razziste e xenofobe. "Confermiamo la nostra fiducia nel lavoro delle forze dell'ordine e della magistratura nell'auspicio che riescano al più presto, e senza indugio, a individuare e punire i responsabili di un atto così vile e odioso". Già in passato c'erano state discussioni per la presenza dei bisogni del cane e altri residenti di Gaggio si erano lamentati di fronte a questi gesti di scarsa educazione civica.

Guerra in Siria, Usa: "Pronti a colpire di nuovo"
Nella quale il male che vediamo fuori, i boati che avvertiamo nel deserto, sono solo un'eco di ciò che accade dentro di noi. Ciò che la motiva è la ricerca del controllo, del possesso, come unica possibilità di realizzazione e di promozione di sé.

"Ogni atto razzista indica la miseria umana e l'abisso morale di chi lo compie". Chi usa la violenza alimentata dall'odio xenofobo sappia che non ci faremo mai intimidire, anzi saremo ancora pi determinati nel difendere e riaffermare i valori della democrazia e del rispetto dell'altro.

Share