Inter, Spalletti: "Tutto è in mano nostra. Su la faccia e giochiamo"

Share

Abbiamo squadre forti, il nostro calcio si sta livellando verso l'alto con quello europeo. Ora siamo tutti consapevoli come le opportunità siano sempre di meno e vadano tutte sfruttate.

L'alternativa porta invece il nome del giovane Yann Karamoh, a caccia come Candreva del primo gol in questa stagione. Servirà il contributo di tutti per acciuffare la Champions, anche se Spalletti dovrà fare i conti con qualche infortunato di troppo: "Vecino e Candreva sono da valutare". Come le hanno gli altri. Anche nell'Atalanta mancheranno Petagna, Ilicic. Rafinha nei due di centrocampo? La Roma ha ribaltato un risultato e anche la Juve lo aveva fatto ribaltando un risultato impossibile. Ormai anche noi amiamo pressare alto e giocare palla. Stiamo lavorando nella direzione corretta. Gli sono saltati addosso sin da subito e hanno meritato quest'impresa, ora è tutto possibile.

Come valuta le parole di Agnelli e Buffon nel post Real-Juve?

"Del Var ho già detto in tutte le salse, per me verrà portata a livello mondiale perché è giusta". A qualcuno faceva comodo che le cose rimanessero com'erano. "Ho una mia idea ma non ve la dico. Ascolto e guardo le situazioni, mi faccio un'idea ma i commentatori professionisti siete voi". Se c'è un po' di me del cammino della Roma in Champions? Se non mantieni l'equilibrio e l'attenzione nei comportamenti, poi subisci le ripartenze a campo aperto.

"La squadra sta bene perché l'evidenza dell'ultima partita disputata è quella di una squadra in salute". Io, la squadra e tutto l'ambiente Inter sappiamo chi siamo e ci troviamo dove ambivamo a stare. Siamo dentro la figura che ci aspettavamo e alla quale aspiravamo all'inizio del campionato. L'Inter sa cavarsela anche senza gli stessi calciatori. "Quindi su il muso e si va a giocare". "Siamo pronti per il rush finale". E' sicuramente forte che adesso ha una condizione corretta per essere dentro una formazione forte come l'Inter. Sarà fondamentale la mentalità di squadra, quel che hai sempre esibito. E' casualità o c'è una spiegazione?

Luciano Spalletti:"Che bella, complimenti!"
Il risultato ottenuto dalla Roma , rappresenta un segnale per tutto il movimento nostrano: "E' stata una vittoria importante per tutta l'Italia".

RISULTATO - "Facciamo sempre lo stesso tipo di lavoro". Poi lo sviluppo dell'azione, le fasi di possesso palla, cercando di farla circolare velocemente in momenti che non sono da mettere in discussione. In passato abbiamo gestito male alcuni palloni, ora siamo migliorati.

"Secondo me il calcio italiano si sta migliorando di volta in volta". A tutta la Roma.

Le buone notizie arrivano comunque da Matias Vecino, che invece ha preso parte alla seduta mattutina assieme a tutto il resto del gruppo. In generale, per il tecnico nerazzurro, cresce e si impone il calcio italiano in Europa ma - alla vigilia della trasferta bergamasca - non commenta le parole di Gigi Buffon dopo la sconfitta della Juventus contro il Real Madrid.

Cosa pensa della volontà di Dalbert di restare anche dopo un'annata con poco spazio? Ma penso sia più corretto continuare a farglielo fare in quella maniera là. Vediamo cosa viene fuori dalle ultime gare, quanto verrà impiegato. L'arbitraggio di Torino-Inter? Tagliavento è esperto, ha qualità e ha sintesi. Ha corsa importantissima, un sinistro paragonabile per potenza a quelli dei giocatori fortissimi. Lascia andare delle bastonate che sono una roba impressionante, chiedetelo ai portieri! Poi è chiaro che ci vuole la tranquillità per esibire le qualità. - "Si, ma bisogna stare attenti a fare le scelte. Io forso non l'ho aiutato ma devo aiutare l'Inter, poi a fine campionato vedremo anche insieme a lui cosa accadrà".

Share