Juventus, Marotta: "Cairo non merita risposte. A Madrid ci voleva buon senso"

Share

Molti gli argomenti toccati dal dirigente bianconero: campionato, Real Madrid, arbitri, Allegri, mercato e. Donnarumma.

Prosegue Marotta: "Poteri forti in Europa?".

"Il rammarico del post partita di Madrid non significa rassegnazione. A partire dalla gara con la Sampdoria dobbiamo confermare il dominio che ci siamo conquistati, e che ci deve portare a vincere il settimo scudetto e la finale di Coppa Italia".

Verissimo, Alessia Marcuzzi e canna-gate: 'Coinvolta mia figlia, ci sono stata male'
Mi fido e mi voglio fidare di quello che mi dicono i miei autori e la mia produzione con cui lavoro da tanto tempo. Mi sarebbe dispiaciuto il fatto che in qualche modo l'argomento canna-gate potesse offuscare tutto il programma .

La Juventus chiede piuttosto di uniformare il regolamento: "In Italia c'è il VAR, in Inghilterra non ci sono gli addizionali, in Champions ed Europa League ci sono". Io non posso e non devo credere a una cosa del genere. E di tutto quello che è successo a Madrid. "Uno può anche arbitrare bene ma poi arriva un episodio in cui l'esperienza ti deve far decidere in maniera più logica". Il presidente del Torino Urbano Cairo dice che un rigore come quello non è stato mai fischiato alla Juve?

Marotta si sofferma poi sulla questione relativa al futuro di Massimiliano Allegri dopo le dichiarazioni in conferenza del tecnico bianconero: "Allegri al 100 per cento sulla panchina della Juventus?".

Ringraziamento a Donnarumma per la sua parata, ha esultato? E da quattro anni qui, conosce le strategie, non ci saranno cambiamenti in uomini e strategie, con la nostra linea cercando di ottenere il massimo, le sue parole sono sincere, giusto esprimerlo, ma i rapporti sono eccezionali, io sono sicuro che si proseguirà con lui. Ha fatto una grandissima parata ma non mi stupisce perché Gigio è il degno successore di Buffon.

Share