Udinese-Lazio, Inzaghi: "Out Parolo, Felipe Anderson dall'inizio"

Share

È l'ultima magia di Simone Inzaghi. Tutti mi hanno dato disponibilità. C'è rammarico per i gol presi, il secondo è stato un rimpallo. Dovevamo avere un vantaggio più ampio. "Ora però abbiamo una partita piena d'insidie contro l'Udinese". "Ha un problemino pubico, probabilmente lo si poteva rischiare ma non ce la sentiamo". Abbiamo preferito non inserirlo nella lista dei convocati. "Crecco, Jordao e Neto sono andati a giocare con la Primavera". "Felipe Anderson? Sarà titolare, c'è la possibilità che Luis Alberto e Milinkovic-Savic facciano le mezzali". "Ho Murgia che sta bene, Di Gennaro è tornato a lavorare al meglio". Marusic si è allenato, convive con un'infiammazione da un mese, per questo ha perso brillantezza. "Domani è disponibile come gli altri".

Come stanno Lulic e Radu, che venivano da alcune settimane di stop? "Sono da considerare recuperati, deciderò domani". "E' senz'altro un ottimo acquisto ed è l'ideale per il nostro modo di giocare". Metto tutto me stesso in quello chefaccio, cerco di migliorare me e la mia squadra, ma in questomomento non bisogna puntare il dito contro nessuno, non bisognatrovare un capo espiatorio. Però dovremo essere concentrati. Ci sono tutta una serie di motivi per i quali le cosa ora non funzionano.

"Ho sensazioni positive. Abbiamo fatto un'ottima partita meno di quarantotto ore fa. Ciò che mi dà fiducia è l'unità del gruppo, mi fa ben sperare per il futuro".

"Ne ho sempre parlato bene". E' penalizzato solo di avere avanti Immobile, come ho sempre detto. È molto stimato dai compagni perché è sempre sereno e positivo. Roma e Inter sono al momento davanti, il che significa che la squadra di Inzaghi deve inseguire. E' dietro ad un attaccante difficile da sostituire. "Quando ha giocato, l'ha sostituito nel migliore dei modi".

Aosta, valanga travolge cinque persone: due estratti vivi dalla neve
Due scialpinisti sono morti dopo essere stati travolti dalla valanga sul Col Chamole, in Val d'Aosta . Secondo quanto ricostruito resterebbero quindi sotto alla superficie nevosa ancora tre soggetti.

MILINKOVIC - "Milinkovic era 20 giorni che era fermo, la sua fisicità è importante per noi e più gioca e più cresce". E' un giocatore per noi molto importante.

Che partita ti aspetti domani?

Quanta carica ha la squadra dopo la vittoria in coppa? Abbiamo cercato di farlo allenare ugualmente, ma il problema persisteva. Dovremo recuperare le energie mentali. Ringrazio i tifosi, sono stati l'uomo in più che ci ha permesso di tenere un ritmo 'indiavolato' per tutti i 95′. "Spero che possa diventare una costante del mondo Lazio".

Share