Venerdì di sangue a Gaza, almeno sette palestinesi uccisi

Share

A quanto riferiscono i media locali, inoltre, già 4 Palestinesi sarebbero stati feriti dai cecchini, di cui uno in modo molto grave. Sono stati identificati in Mohammed Sa'id al-Hajj Saleh, di 33 anni, e in Alaa Yahya Al-Zamili, di 17 anni, entrambi residenti a Rafah.

L'esercito israeliano ha deciso di avviare una approfondita verifica interna per riesaminare tutti gli eventi avvenuti nelle ultime settimane al confine con la striscia di Gaza.

Il grosso dei manifestanti per la 'Marcia per il ritorno' appoggiata da Hamas è atteso alla fine delle preghiere del venerdì.

Ligue 2: Samba Diop muore a 18 anni, giocava nel Le Havre
Il difensore giocava nel campionato National 2 (la quarta divisione francese) nella seconda squadra del club. Ancora ignote le circostanze del decesso, secondo quanto riportato dal quotidiano francese L'Equipe .

E' ripresa la protesta di massa dei Palestinesi nella striscia di Gaza, e, da questa mattina, stanno divampando i primi scontri: i manifestanti hanno bruciato degli pneumatici e hanno lanciato sassi contro i soldati israeliani, che hanno risposto con fuoco e lanci di lacrimogeni.

La protesta prevede una serie di manifestazioni settimanali che culmineranno il 15 maggio, il giorno successivo all'anniversario della fondazione di Israele che per i palestinesi corrisponde alla Naqba, la "catastrofe" dell'espulsione e la fuga di circa 700 mila palestinesi dalle proprie terre. In un comunicato della presidenza - riferito dalla Wafa - è stato chiesto, alla Ue, all'Onu e alla Lega Araba "di fermare questa brutale uccisione e volontaria dell'esercito di occupazione a fronte di innocenti e indifesi che sono andati in una marcia pacifica per difendere il loro diritto di vivere". A tal proposito, il coordinatore delle attività del governo israeliano nei Territori palestinesi, Yoav Mordechai, ha inviato una lettera all'Organizzazione mondiale della sanità che avverte sui possibili impatti ambientali delle proteste che si terranno oggi. "Se Israele colpirà la Striscia nel profondo, Hamas si vendicherà colpendo in profondità il cuore degli insediamenti" ha detto un leader del movimento, Mahmoud a-Zahar, parlando alla folla riunita al confine accompagnato dal capo della sicurezza di Hamas Tawfiq Abu Naim. "Hamas - ha aggiunto - ha trascinato la Striscia verso una giornata di violenti disordini". Mentre l'Alto Commissariato per i diritti umani dell'Onu ha denunciato "l'uso eccessivo della forza" la settimana scorsa da parte dell'esercito israeliano. "Se un giornalista si avvicina al confine e da là attiva un drone sopra i nostri soldati - ha aggiunto - noi non possiamo accettare alcun rischio".

Share