Apre il primo negozio Xiaomi in Italia: garanzia ed assistenza dirette

Share

I colleghi di DDay hanno avuto modo di intervistare Di Zhang, il General Manager di Wing, la società che importa i prodotti Xiaomi in Italia. La data fissata è il 24 maggio, a Milano, anche se l'indirizzo è ancora sconosciuto.

Xiaomi però ha curato anche l'aspetto tecnico, integrando all'interno dei suoi nuovi auricolari una bobina dinamica a doppia unità ed un driver interno in ceramica, che insieme dovrebbero fornire una sensibilità di 105dB e ed una risposta in frequenza di 20-40.000Hz per un suono chiaro e limpido con tecnologia per la cancellazione del rumore. L'approdo negli Usa è a rischio per la stretta delle autorità di regolamentazione sull'import dalla Cina, ma anche così l'azienda è al quarto posto nella classifica globale dei produttori.

Juventus-Milan 4-0, Benatia: "Non ero scarso prima, non sono un fenomeno adesso"
Non ero scarso prima e non sono un fenomeno adesso. "Ora l'obiettivo è lo scudetto, dobbiamo cercare di blindarlo già domenica". Durante l'anno abbiamo sfidato un grande Napoli, che in campionato ci ha dato filo da torcere, non è stato semplice.

L'annuncio è arrivato sui canali ufficiali Facebook e Twitter dell'azienda. Il motivo di una scommessa in controtendenza rispetto ai produttori di smartphone che sopravanzano Xiaomi nasce anche dalla volontà di trasformare gli interessati in fan, al fine di incrementare una comunità di fedeli appassionati che spesso fanno proseliti presso amici e famigliari. E non a caso, infatti, le cuffie Xiaomi Mi Dual-Unit Half-Ear hanno ottenuto la certificazione Hi-Res Audio della Japan Audio Association.

L'obiettivo è ripetere il modello degli Apple Store aprendo circa duemila punti vendita per essere presenti in tutte le principali città dei paesi in cui Xiaomi è già attiva e in quelli in cui arriverà in futuro. Resta da capire se lo smartphone con Snapdragon 835 rilevato da Geekbench sia una variante 'low cost' del Mi 7, un altro dispositivo di fascia alta in arrivo da Xiaomi, oppure un prototipo utilizzato dalla casa madre. Diversamente di quanto successo fino a questo momento, la disponibilità del firmware per gli sviluppatori non viene più limitata alla sola gamma di dispositivi Nexus e Pixel di Google, abbracciando quindi tantissime altre aziende tra cui spiccano Xiaomi per l'appunto, ma anche Nokia e Sony. Xiaomi è un brand che si è fatto apprezzare nel tempo da parte degli utenti non solo per la qualità degli smartphone ma anche per la moltitudine di gadget tech di tutti i tipi che ha saputo commercializzare.

Share