Berlusconi stronca il programma di governo: "Ora molta distanza con Salvini"

Share

"Se voi deciderete che è la strada giusta da percorrere, nonostante quello che dicono tutti i giornaloni italiani e stranieri, nonostante qualche burocrate a Bruxelles, nonostante lo spread, allora come capo politico del MoVimento 5 Stelle firmerò questo contratto", ha scritto sul blog delle Stelle Luigi Di Maio lanciando la votazione online sul contratto con la Lega, il cui testo definitivo è composto da 30 punti e 57 pagine. E Mattarella ci dovrebbe pensare. "Salvini - avverte - non ha parlato a nome della coalizione al tavolo, ha sempre e soltanto parlato a nome proprio e della Lega".

Insomma, "con la carenza di personaggi che verifichiamo in queste ore - spiega l'ex premier - io sono disponibile, e non c'è nessun candidato paragonabile a Silvio Berlusconi". E ancora sul contratto di governo: "La preoccupazione è molto forte, c'è molta delusione perché i punti opposti al contratto del Centrodestra sono tanti, come ad esempio il giustizialismo estremo dei grillini". Basta - tuona Salvini - bugie di giornali e tivù, ecco la realtà: "vi piace??". La coalizione è altra cosa e non ha a che vedere con il M5S.

Juventus, Lichtsteiner: "Non vado al Borussia Dortmund"
Con lui in questa speciale lista Buffon, Marchisio, Barzagli e Chiellini. "Non c'è altro da dire al riguardo", le sue parole. In un'intervista per al portale svizzero Blick , il 26 bianconero parla del suo futuro lontano da Torino .

Sul fronte della chiusura reale della trattativa, però, resta lo scoglio non secondario dei nomi. Salvini ha più volte ribadito il no a Di Maio capo del Governo e la richiesta pregiudiziale del Viminale, per gestire a nome della Lega "i rimpatri dei clandestini" e la politica per la sicurezza. Un messaggio rivolto ai suoi interlocutori a 5 stelle ma forse anche al Quirinale, che i leghisti vedono freddo sull'ipotesi di un ministero così delicato affidato al loro leader. "Non rispondo su premier, vicepremier e ministri".

Lega agitata da Silvio Berlusconi che da Aosta sembra certificare la rottura dell'alleanza con il Carroccio. Poi ci sono situazioni non comprensibili sul come realizzarle per i costi, che secondo nostri calcoli sembra ammontino a 100 miliardi.

Share