Calciomercato Inter, Sarri pensa a Icardi: il Chelsea può pagare la clausola

Share

L'operazione sarà possibile solo in caso di partenza di uno dei big del reparto avanzato, il principale indiziato al momento è Gonzalo Higuain, seguito con interesse dal Paris Saint-Germain e dal Chelsea, dove potrebbe ritrovare Maurizio Sarri, sempre più vicino alla firma con i Blues.

L'alternativa sarebbe pagare la clausola rescissoria inserita nel contratto di Icardi con l'Inter pari a 110 milioni.

Già due anni fa Sarri si era messo sulle tracce di Icardi cercando di rimpiazzare Higuain, andato alla Juve, proprio con Maurito. "Che poi l'affare si farà, come sempre nei mesi dello shopping, è tutt'altra cosa".

Sparatoria a Liegi, uccise due poliziotte e una passante
Avvicinato da due agenti nel cuore della cittadina di Liegi , sarebbe riuscito a disarmare uno dei due e ad aprire il fuoco . Pare che abbia rapito una cameriera o una donna delle pulizie alla Léonie de Waha , al sesto piano dell'edificio.

Ma il Corsera non si ferma qui e ricorda l'altro episodio, siamo nell'estate del 1976, in cui i due club storici rivali si scambiarono i centravanti. "Dopodichè più che l'Europa con il ritorno nerazzurro in Champions, potrebbe l'euro, se Wanda Nara ha più volte chiesto il ritocco dell'ingaggio, quello che tra i 7 e gli 8 milioni può concedere la Juve, specie una volta tolto dal monte ingaggi lo stipendio di Higuain".

NOTA IMPORTANTE - La Redazione di Inter-News.it ricorda che la clausola rescissoria di Icardi, fissata a 110 milioni, è valida solo per l'estero e fino a metà luglio, inoltre il capitano argentino è già stato tolto dal mercato e dichiarato incedibile (in Italia...) dalla proprietà Suning, dalla società con a capo Erick Thohir, dalla dirigenza che fa riferimento a Piero Ausilio, dall'allenatore Luciano Spalletti e addirittura dalla moglie-agente Wanda Nara, quindi tutte le notizie che lo danno in direzione Juventus vanno prese con le pinze e vengono riportate per dare un'informazione completa.

Insomma per il Corsera la "potenza di fuoco" economica della Juventus potrebbe avere ancora una volta la meglio.

Share