Governo: l'Europa in pressing, lite con Salvini e Di Maio

Share

Salvini ha risposto anche sulla questione spread riferendosi a un titolo di ieri di Ft. Nessuna ipotesi di uscita dall'euro ma "l'impianto di governance economica Ue (dal patto di stabilità e crescita al Fiscal Compatc), basato sul predominio del mercato e sul rispetto dei vincoli stringenti, deve essere ripensato insieme ai partner europei e assieme alla politica monetaria", si legge nel documento diffuso a fine giornata. Nel testo si spiega poi che l'abolizione dei tanto contestati voucher "ha creato non pochi disagi" e quindi "bisogna introdurre un apposito strumento, che non si presti ad abusi". Luigi Di Maio ha smentito le indiscrezioni sulla bozza di programma circolate ieri. "In 6 giorni stiamo scrivendo il programma di 5 anni". "Matteo Salvini - ha sottolineato ancora - non sarà mai ostacolo alla nascita del governo: se devo fare un passo di lato io ci sono, lo farò". E sulle preoccupazioni dell'Europa chiarisce: "Ci sarà il massimo dialogo ma non saremo subalterni a qualche eurocrate". "Siamo a un passo" avrebbe addirittura commentato Di Maio. Il segretario della Lega, dopo il colloquio con il presidente della Repubblica del 14 maggio, ha lasciato aperta ogni ipotesi con i giornalisti: "Ci rivedremo qui o perché si comincia o perché ci si saluta". È possibile un tecnico al ministero dell'Economia? Nelle ultime ore sembrano scendere sempre di più le quotazioni di Giuseppe Conte e si starebbero registrando difficoltà anche nella composizione delle varie caselle ministeriali.

È ripreso - intanto - a Montecitorio il lavoro del tavolo per mettere a punto il contratto di governo tra M5S e Lega.

Accordo tra Guillermo Del Toro e Netflix per una serie horror
Del Toro infatti, secondo quanto riportato da Variety, ha venduto a Netflix la sua prima serie horror antologica . Ad affiancarlo saranno alcuni sceneggiatori e registi, considerati " tra i migliori del genere " da Netflix .

Su Facebook, Salvini ha aperto una nuova diretta dove ha informato i cittadini che "fra Lega e M5S è stato trovato un punto di incontro su come smontare la legge Fornero, restituendo il diritto al lavoro, alla vita, alla pensione e anche quello al futuro e ad una pensione dignitosa ai giovan. Poi passeremo ai nomi". "Più ci minacciano, più ho voglia di partire con questa sfida". Innanzitutto ha parlato di immigrazione e di come si batterà per ridurre gli sbarchi ed aumentare gli espatri. Il capogruppo del Pd alla Camera, Graziano Delrio, parlando della bozza del contratto, ha dichiarato in un'intervista che gli sembra orribile, in quanto hanno ragionato di condono di debito pubblico e uscita dall'euro. Uno stralcio che sicuramente farà discutere, a Francoforte, Bruxelles e nelle altri Capitali europee. Ma, assicura, "porto la Lega al governo solo se c'è programma firmato nero su bianco". "Il Financial Times dice che siamo barbari: io dico meglio barbari che servi". Stanno usando i soliti trucchetti, lo spread...

"Così è andato a casa l'ultimo governo Berlusconi: nei salottini se sono preoccupati, vuol dire che facciamo qualcosa di giusto", aggiunge il leader della Lega.

Share