Higuain ammette: "Ho pensato di lasciare per mia madre"

Share

Gonzalo Higuain ha rivelato un retroscena delicato della propria vita ai microfoni di TNT Sports: "Quando mia madre era malata fu un periodo terribile, ho pensato di lasciare il calcio e ci sono anche andato vicino".

"Napoli? Mi sono trasferito nella squadra azzurra perché so l'importanza che questa squadra ha in Argentina, volevo aiutarla a crescere e, in parte, credo di averlo fatto. L'odio a cui ha portato questa scelta è causato dall'amore che provavano per me". "Lei mi ha dato la forza per andare avanti", le parole del bomber bianconero, pronto per la spedizione in Russia per il Mondiale. Ciò che conta davvero sono gli affetti e le persone che ti vogliono bene. Sulle critiche ricevute in stagione per non aver inciso nelle partite fondamentali (anche se gli va riconosciuto di aver siglato contro l'Inter il gol che, molto probabilmente, ha deciso la corsa scudetto a favore della Juventus), Higuain ha affermato: "Solitamente si criticano i migliori". Ti attaccano per il gol che non hai segnato, ma non per i 300 che hai fatto. "I goal più belli mai segnati comunque sono mia figlia e la mia compagna".

Litiga e stacca orecchio con morso
La vittima è quasi svenuta dal dolore ed il lobo, raccolto da terra, verrà riattaccato con un intervento molto delicato. Sono in corso le indagini per rintracciare l'aggressore e far chiarezza sull'esatta dinamica dell'accaduto.

Higuain sarà, senza ombra di dubbio, protagonista al prossimo Mondiale. "Poi ho visto la bandierina alzata". "Noi diamo sempre tutto per il nostro paese, lo difenderemo alla morte".

Share