Il segreto di Gattuso: "Juventus? Mi ha sempre affascinato"

Share

Individualità meno incisive? Come spesso avviene la verità prende qualcosa da ogni elemento per comporre quello che si configura come il risultato finale.

A poco più di 24 ore dalla finale di Coppa Italia tra Milan e Juventus, l'allenatore dei rossoneri Gattuso insieme al capitano della squadraLeonardo Bonucci è intervenuto davanti ai microfoni dei giornalisti nella conferenza stampa della vigilia. Questo trofeo è così importante per tanti motivi, per l'entusiasmo dei nostri tifosi, per la squadra che abbiamo, basta poco per accendere di nuovo il fuoco nel pubblico.

Nonostante le due sconfitte stagionali in campionato, la sensazione è che il Milan possa giocarsi quasi alla pari con la Juventus questa finale di Coppa Italia. Avere personalità, non avere paura, serve coraggio. Per vincere dobbiamo fare qualcosa di straordinario, ma ci dobbiamo provare.

DIFFERENZA GIOCATORE ALLENATORE - "Da giocatore ero un pazzo scatenato, facevo delle robe strane, ero molto scaramantico". I trofei si vincono da squadra. Clamoroso l'episodio del 2008: Gattuso si fa male seriamente a un ginocchio ma resta in campo per tutta la partita. Ho 40 anni ed è la gara più importante della mia carriera anche se non ho alle spalle poche panchine. "Mi sono preparato per essere a disposizione, quindi se lui ha bisogno ci sono", ha detto l'ex Lazio. E se credi che l'informazioni sia anche uno strumento di libertà puoi aiutarci come "sostenitore" abbonandoti a "La Voce Più". Il Milan ha sempre avuto tanta qualità, ma il mondo Juve mi ha sempre affascinato perché c'è grande compattezza e ho sempre invidiato questo atteggiamento. Sì, se il mister ha bisogno sì. Credo però che arrivare in finale è come vincerla e alla Juventus vanno fatti i complimenti anche per quanto fatto in Europa negli ultimi anni.

VINCERE - Non so cosa farò se vinceremo. Lo valuteremo anche se non è al massimo.

La Corea del Nord ha scarcerato tre cittadini statunitensi
Una visita che potrebbe concludersi anche con la consegna dei tre prigionieri statunitensi di cui era stata annunciata la possibile liberazione dal regime.

"Manuel l'ho visto bene, deve prendere esempio da Biglia, un professionista esemplare". A Corigliano, dove è nato, Gattuso ha creato una fondazione benefica, la ONLUS 'Forza Ragazzi', che aiuta gli adolescenti meno fortunati della Calabria.

Milan, è tempo di finale di Coppa Italia: battere la Juventus avrebbe un sapore diverso. E' sempre bello giocare partite di questo livello.

Alzare il primo trofeo da allenatore e salvare la stagione del Milan. E poi il nostro gioco... Dovremo essere cinici in quelle due, tre occasioni che ci capiteranno. Ha messo in difficoltà lo staff tecnico, ha fatto qualcosa di incredibile.

Al Milan dunque servirà la partita perfetta per un titolo che rappresenterebbe l'inizio di un ciclo per Bonucci.

Share