Istat: disoccupazione stabile all'11%

Share

Dopo il calo di febbraio, la stima delle persone in cerca di occupazione a marzo ha registrato, secondo l'Istat, un aumento dello 0,7% (+19 mila). E' quanto rileva l'Istat nei dati provvisori diffusi oggi.

La crescita congiunturale dell'occupazione ha interessato tutte le classi di età ad eccezione dei 35-49enni. Il tasso di inattività scende al 34,3% (-0,3 punti percentuali rispetto a febbraio).

L'Istat stima "una ripresa degli indipendenti, che recuperano in parte la diminuzione osservata nei primi due mesi dell'anno e, in misura più lieve, dei dipendenti a termine, mentre restano sostanzialmente stabili i permanenti". Per le donne nell'ultimo mese aumenta il tasso di disoccupazione di 0,5 punti e diminuiscono il tasso di occupazione e di inattività (rispettivamente -0,1 e -0,2 punti). "La crescita della disoccupazione si concentra tra le donne e i 35-49enni".

Real Madrid-Bayern Monaco: copertura tv e streaming
Le insicurezze aumentano di partita in partita e sono più gli interventi grossolani e fuori misura che le belle parate. Ci siamo, martedì 1 e mercoledì 2 maggio si giocano le semifinali di ritorno di Champions League 2018.

Nel mese di marzo il tasso di disoccupazione è stabile all'11%. Tendenze analoghe si osservano anche su base annua: la crescita occupazionale riguarda tutte le classi di età ad eccezione dei 35-49enni, l'aumento maggiore in questo caso è per gli over 50 (+1,5 punti percentuali). Il tasso di occupazione, il rapporto tra occupati e la popolazione di riferimento in età lavorativa, al 58,3% un aumento di 0,2 punti percentualirispetto al mese precedente e di un livello record dall'ottobre 2008, quindi nel periodo pre-crisi, quando il tasso fu del 58,5%.

Su base annua continua l'aumento degli occupati (+0,8%, +190 mila). La crescita interessa uomini e donne e riguarda esclusivamente i lavoratori a termine (+323 mila), mentre calano i permanenti (-51mila) e gli indipendenti (-81mila). Crescono, in particolare, gli occupati ultracinquantenni e i 15-34enni. "Nell'arco di un anno diminuiscono sia i disoccupati (-4,0%, -118mila) sia gli inattivi (-1,1%, -150mila)".

Share