Istat: Italia in declino demografico, sempre più vecchi e soli

Share

Le aree più dinamiche d'Italia vedono entrambe Milano come motore: una si estende verso Est, fino al Veneto e i confini orientali, l'altra raggiunge la via Emilia.

L'Italia è il secondo paese più vecchio del mondo, questo il quadro dipinto dagli ultimi dati Istat. La popolazione totale cala per il terzo anno consecutivo di quasi 100.000 persone.

Al 1° gennaio di quest'anno, la popolazione residente ammonta a 60,5 milioni, mentre la percentuale di quella straniera rappresenta l'8,4% (5,6 milioni di persone).

Alla presentazione del rapporto Istat è intervenuto il presidente della Camera Roberto Fico: "Siamo in fase di avvio di una nuova legislatura e in questo contesto le analisi dell'Istat costituiscono strumenti fondamentali". Per il nono anno consecutivo le nascite in Italia sono in calo.

Per le donne l'età media della nascita del primo figlio era di 26 anni nel 1980, nel 2016 è stato di 31.

Governo: Mattarella sta logorando Lega e 5 Stelle
Mi hanno spiegato che stanno valutando anche un altro profilo, quello di Conte e non mi hanno ancora detto chi hanno scelto. Anche le legge sulla legittima difesa proposta dal Carroccio , non piace ai pentastellati.

Ed è al calo delle nascite, oltre che all'aumento delle aspettative di vita, che dobbiamo il record di secondo Paese più vecchio al mondo, con 168,7 anziani ogni 100 giovani.

Non ci sono più dubbi ormai sul fatto che l'Italia oltre ad essere una delle mete preferite dagli immigrati sia tornata ad essere un popolo di migranti.

La speranza di vita alla nascita ha raggiunto nel 2017 gli 80,6 anni per gli uomini e gli 84,9 anni per le donne. Il Paese appare anche più fragile rispetto all'Ue: il 17,2%, contro il 15,5% della media Ue, si sente privo o quasi di sostegno sociale. La meta preferita nel 2017 è il Regno Unito (nonostante la Brexit), seguito da Germania, Svizzera e Francia come tra l'altro dimostra la nostra infografica dedicata ai flussi migratori italiani.

Rapporto annuale ISTAT 2018 Clicca qui per scaricare il rapporto annuale dell'ISTAT in cui viene analizzata la situazione attuale del Paese.

Share