La Juventus è campione d'Italia per la settima volta consecutiva

Share

Nel match valido per la trentasettesima giornata del campionato di Serie A i bianconeri pareggiano 0-0 contro la Roma e si laureano Campioni D'Italia con una giornata d'anticipo nonostante il successo del Napoli.

Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, è intervenuto ai microfoni di Premium Sport nel post-partita di Roma-Juventus: "Sono contento perché i ragazzi questa sera hanno chiuso il capitolo del campionato ed ora avremo una settimana di vacanza in più, dato che questo campionato è stato difficile: vanno fatti tanti complimenti al Napoli, perché ha disputato una grande stagione, tenendo testa ad una grande Juventus". Vincere 7 Scudetti di fila è qualcosa di unica. E' una società alle spalle importante, solida, che riesce sempre a rimanere unita e compatta anche nei momenti di difficoltà. Il figlio d'arte ha collezionato 11 goal nelle 36 presenze stagionali, che sono bastati per attirare l'interesse, oltre a quello della Juventus, anche di Manchester United e Barcellona. Ogni fallo entravano in campo con tutta la panchina, è la mentalità a volte un po' eccessiva di fare le cose insieme, in ogni situazione, anche sbagliando ma facendola insieme. "Noi l'abbiamo fatto anche, magari con risultati altalenanti, ma è questa l'idea". E' l'episodio che di fatto spegne gli animi e la partita.

Giro d'Italia 2018, a Praia sprinta Bennett. Yates resta in rosa
Nella top ten di giornata anche Jakub Mareczko (Wilier Triestina-Selle Italia), sesto. Tra l'altro è caduto sul lato destro, che già risentiva dlela caduta precedente.

Praticamente non si gioca più, unica eccezione è un contatto sospetto in area tra Dybala e Jesus allo scadere, ma Tagliavento lascia giocare. Stiamo crescendo, ma non dobbiamo smettere di farlo.

Grazie, credo che per me sia stata un'esperienza passata anche per degli errori che sono fondamentali per crescere e migliorare, per toccare i tasti giusti. Insomma, squadra che stra-vince si cambia, o forse addirittura si smantella, con gli arrivi di giovani provinciali come Caldara e Spinazzola in difesa (dall'Atalanta) e qualche talento da mandare in orbita. Bisogna approcciare a queste cose e prenderle, mettendoci i nostri concetti. Poi i ragazzi sono i maggiori artefici e li ringrazio sempre. Il mio desiderio principale è continuare qui a Roma, sono convinto che ci sia il desiderio da parte di tutte e due di continuare.

Share