Lupo ucciso a Coriano (Rimini): due denunciati. Ci costituiremo parte civile

Share

Sono le contestazioni mosse dai carabinieri di Rimini, con i colleghi Forestali, a un 82enne e a un 43enne al termine dell'indagine sul lupo avvelenato, ucciso e appeso per le zampe a una pensilina di una fermata dell'autobus a Ospedaletto, nel Comune di Coriano. Prima del colpo il lupo era stato avvelenato. Grazie alle immagini delle telecamere di alcuni sistemi di videosorveglianza della zona, i militari hanno notato la presenza di un furgone bianco (risultato poi intestato a una vicina azienda agricola), ripreso alle 4 del 4 novembre mentre faceva una sosta di circa 40 secondi proprio di fronte alla fermata dell'autobus. E infatti, dai filmati non si notava scendere nessuno dallo sportello lato guida, né tanto meno aprire il portellone posteriore. La perquisizione del furgone ha permesso di individuare elementi utili, come tracce ematiche e peli. L'autopsia ha accertato che la morte dell'animale era dovuta a "fratture multiple della scatola cranica, con lacerazioni ossee e disgregazione della materia cerebrale" procurate con un "corpo contundente pesante". I tabulati telefonici, inoltre, confermano che in quelle ore un dipendente dell'azienda (il 43enne) aveva cercato di mettersi in contatto con il padre del titolare (l'82enne).

Questi hanno inoltre fatto irruzione nell'azienda, dove sono emersi altri reati: macellazione clandestina, maltrattamenti di animali, abbandono di rifiuti, detenzione illecita di animali pericolosi. Le associazioni animaliste riminesi hanno già annunciato che si costituiranno parte civile al processo nei confronti degli autori dell'uccisione. "Ringraziamo di cuore i Carabinieri per lo straordinario impegno e la grande efficienza con cui ha condotto le indagini, arrivando alla svolta di oggi", commenta Enpa.

Overwatch - Annunciato l'evento del secondo anniversario
Come abbiamo visto anche nei passati eventi stagionali, torneranno disponibili i modelli dell'anniversario 2017. Lo sparatutto competitivo più acclamato degli ultimi anni si appresta a festeggiare il suo secondo compleanno.

Ora viene reso noto che sono state indagate due persone, allevatori di 82 e 43 anni, accusate di maltrattamento, cattura, uccisione e furto aggravato di un esemplare di una specie animale particolarmente protetta.

Share