Lutto per la Roma: è scomparso l'ex presidente Anzalone

Share

Una figura molto importante nella storia del club giallorosso per aver costruito l'attuale centro sportivo di Trigoria e aver rilanciato in maniera importante il settore giovanile. Su Twitter la società ha ricordato l'ex presidente: "L'As Roma piange la scomparsa di Gaetano Anzalone, indimenticato presidente giallorosso dal 1971 al 1979, e si stringe attorno alla sua famiglia".

Anzalone fu imprenditore edile e membro del consiglio comunale di Roma nelle file della Democrazia Cristiana.

Salvini: "Prima gli italiani. O si cambia, o si vota"
In tutta Italia, la mobilitazione si intreccia, in vista delle prossime Comunali, con il tour elettorale M5S "Alziamo la testa". Se il contratto di governo sarà sottoscritto dai simpatizzanti leghisti al Carroccio andrà sicuramente il Viminale .

Anzalone, dopo una lunga malattia, è morto nella notte tra giovedì e venerdì 18 maggio. Dei giallorossi diventò presidente nel 1971, rilevando la proprietà per un miliardo e mezzo di lire. Signorile e dai modi cordiali, Anzalone fu chiamato dai tifosi "il presidente gentiluomo". Lui ebbe anche il merito e la faccia tosta di riuscire a portare a Roma il bomber Roberto Pruzzo e l'allenatore Niels Liedholm. In più ingaggiò Pierino Prati e seppe valorizzare al meglio i giovani del vivaio come Conti, Rocca e Di Bartolomei su tutti. Al timone della squadra capitolina per otto anni, vive il suo momento di gloria quando la squadra vince il torneo Anglo Italiano nel 1972 e, sul suolo nazionale, con la conquista del terzo posto nel campionato 1974/75.

Share