Napoli, Koulibaly: "Ho sempre creduto nello Scudetto. Ci riproveremo"

Share

Tutti gli allenatori che ho avuto sono stati speciali, anche Benitez che mi ha portato qui.

NAPOLI-Maurizio Sarrie ilNapolinon devono separarsi. Vive sempre il calcio e vuole la perfezione. Ma spero di continuarecon lui, è l'allenatore giusto per il Napoli- Ci sono mancatedue o tre vittorie, in partite che abbiamo pareggiato purgiocando bene - continua parlando della stagione che sta perconcludersi - Se avessimo messo un pò di cattiveria in piùavremmo vinto lo scudetto.

Previsioni meteo 11 maggio: tempo instabile sulle regioni centrali
Nel corso della sera e della notte generale miglioramento con cieli poco nuvolosi su tutti i settori. Piogge, rovesci e temporali sparsi interesseranno sul tardi della mattinata le regioni peninsulari.

SCUDETTO - "Ci ho sempre creduto, anche quando avevamo tanti punti dalla Juve". Quando ho segnato all'Allianz Stadium non ho realizzato subito di aver fatto gol e non dimenticherò mai i festeggiamenti dopo la rete. Fiorentina-Napoli, sconfitta decisiva: persa nello spogliatoio per Inter-Juve? Poi Sarri ci ha dato un bel modo di giocare, con la personalità che ha. Io non ho guardato la partita di Milano, penso di aver fatto bene. Vedere la Juventus vincere così ha fatto scattare qualcosa nella nostra testa e non abbiamo avuto la reazione giusta a Firenze. Sul futuro: "l'anno prossimo bisognerà fare ancoraqualcosa in più per vincere lo scudetto". Vogliamo crescere ancora di più per vincere lo scudetto, è una città che ha bisogno di questo titolo. Sono diventato anche papà e sono cambiato sotto tutti i profili. Perché sette giorni dopo quel gol incredibile, la sua espulsione a Firenze ha condizionato il futuro del suo Napoli. "Le valutazioni che si fanno mi inorgogliscono, ma non so se valgo quelle cifre". Ma neanche i miei amici che leggono il giornale e vedono che valgo 100 milioni ci credono. Al momento le possibilità che le strade si possano separare sono elevate ma non è detta (ancora) l'ultima parola né per l'allenatore né per lo stesso difensore. Alcuni giocatori come me erano in difficoltà all'inizio e se siamo arrivati a un certo livello è anche merito suo. Vogliamo scrivere la storia città, io sono il primo.

Share