Pippo Caruso è morto, addio al maestro d'orchestra

Share

Pippo Caruso è morto a 82 anni.

Lo chiamavano D'Artagnan, come il moschettiere di Dumas, per quella vaga somiglianza data dai suoi irrinunciabili baffetti e dai capelli ondulati alle spalle.

A dare la notizia della morte del maestro Pippo Caruso è stato proprio Baudo che si è detto "distrutto dal dolore per la perdita di un carissimo amico".

Tavecchio risponde a Ventura: "Ha detto solo falsità, l'ho accontentato su tutto"
Avevo anche deciso che anche in caso di qualificazione ai Mondiali mi sarei dimesso, perché era impossibile lavorare . A parlare, per la prima volta in tv dopo il suo addio alla Nazionale , è l'ex ct azzurro Gian Piero Ventura .

Caruso divenne un volto noto a partire dagli anni 70. "Mi mancherà". Caruso aveva diretto, tra le altre, le orchestre Rai di Roma e Milano, l'orchestra sinfonica della Rai e del Festival di Sanremo. Esordì sul piccolo schermo nel 1973 con Canzonissima quando scrisse per la presentatrice Mita Medici la sigla Ruota libera. Era un grande amico di Pippo Baudo con il quale aveva collaborato a diversi programmi importanti come Domenica In, Fantastico, Serata d'onore, Numero uno e appunto diverse edizioni del Festival di Sanremo. Sempre insieme all'amico Baudo, con il quale condivideva anche il nome, contribuì a lanciare le carriere di personaggi del calibro di Heather Parisi e Lorella Cuccarini. Viene ricordato ancora oggi, inoltre, il jingle Perché Sanremo è Sanremo che porta la sua firma. Oltre che per la tv, a Pippo Caruso si devono tanti brani per grandi artisti. Mentre all'estero ha lavorato con artisti come Liza Minnelli, Celine Dion, Gilbert Becaud, Pat Metheny, Michael Buble, Andreas Vollenweider, George Benson, Michael Bolton.

Ha messo il suo estro e la sua creatività anche a disposizione del cinema, scrivendo le colonne sonore di Maladolescenza (1975), Porca società (1978), L'occhio dietro la parete (1977), Le evase - Storie di sesso e di violenze e Massimamente folle (1985). I funerali si terranno domani martedì 29 maggio, alle ore 16, nella chiesa Santa Croce di Passo Corese, frazione del Comune di Fara in Sabina in provincia di Rieti.

Share