Raid con palo di ferro contro ambulanza 118, infermiera ferita

Share

L'ambulanza ha comunque continuato il suo percorso portando l'uomo in ospedale, per poi recarsi dalle forze dell'ordine a denunciare il gesto, che appare per di più totalmente immotivato. La postazione 118 del Crispi stava trasportando un codice rosso in Pronto soccorso a sirena e lampeggiante quando senza alcun motivo un passante ha scagliato un paletto di ferro contro il vetro.

L'infermiera ha riportato un trauma e diverse escoriazioni all'arcata sopraccigliare mentre l'ambulanza è dovuta rientrate nell'autoparco per essere sottoposta alla riparazione del vetro.

Aggressione ai medici del 118, Silvestro Scotti: "Napoli come Raqqa".

Con un paletto di ferro, un passante ha rotto il vetro di un' ambulanza mentre il mezzo stava trasportando in codice rosso un paziente.

Grande Fratello: Alessia Prete ripresa in bagno. La produzione chiede scusa
In pochi secondi il web è stato invaso da commenti ed immagini del momento , che inquadrano la concorrente in un momento privato. A quel punto, però, il danno era già fatto e, soprattutto, i primi screen erano già cominciati a circolare sui social.

In quella manciata di secondi, l'impatto dell'oggetto contro il finestrino laterale lo ha fatto esplodere mandandolo in frantumi e, istintivamente, l'infermiera a bordo ha coperto col proprio corpo il paziente in barella.

Nella pagina Facebook "Nessuno tocchi Ippocrate" si legge un resoconto dell'accaduto.

Silvestri paragona Napoli con la città siriana dove la guerra si è sentita con durezza estrema ed esprime "tutta la mia solidarietà alla collega coinvolta, ma anche all'infermiera e all'autista dell'ambulanza". "Per i medici e per chi in generale lavora per la salute dei cittadini, Napoli è come Raqqa". Queste vili aggressioni devono finire, ormai la situazione è fuori controllo. Chiaramente, "diventa difficile soccorrere ed aiutare le persone in queste condizioni. Chiedero' un incontro con il Prefetto di Napoli per valutare quali azioni mettere in campo per garantire la sicurezza degli operatori".

Share