Tavecchio risponde a Ventura: "Ha detto solo falsità, l'ho accontentato su tutto"

Share

"Non mi sono licenziato perché sarebbe stato come ammettere di essere responsabile di una sconfitta che non è solo mia", ha precisato. La delegittimazione interna c'era già stata quando fu nominato un altro direttore tecnico e non io come mi aveva proposto l'allora presidente Tavecchio. Sono rimasto senza rete in un ruolo che non conoscevo. Per un anno ho fatto sia il ct che il direttore tecnico. Nel momento in cui sarei dovuto essere investito ufficialmente, poi improvvisamente hanno deciso di nominare Ulivieri. Ventura ha confessato di aver meditato le dimissioni dopo la partita con Israele ("Quando dopo 10 minuti lo stadio fischiava ed era evidente che qualcosa non andava"), ma di averle rassegnate soltanto la partita successiva, quella contro la Macedonia.

CR7 rilancia: "Restare al Real? Ora non garantisco nulla"
Nei prossimi giorni potrà dare una risposta a tutti coloro che sono stati al mio fianco in questi anni e ovviamente ai tifosi" ha detto.

Intervistato da Fabio Fazio, Ventura ripercorre quella che considera "una cicatrice enorme", l'avventura in azzurro: "Lungi da me da scaricare le responsabilità ad altri, le mie le prendo in toto, però è corretto spiegare come sono andati i fatti". Avevo anche deciso che anche in caso di qualificazione ai Mondiali mi sarei dimesso, perché era impossibile lavorare. Una deviazione che ha minato la serenità intorno al gruppo, portandolo fino alla clamorosa sconfitta nello spareggio contro la Svezia. Sono diventato il capro espiatorio di tutti i mali del calcio. "A me, invece, non passerà mai". Ventura incoraggia la nuova Italia: "Faccio un in bocca a lupo a Mancini di cuore affinchè possa essere messo nelle condizioni di poter lavorare in una maniera corretta e di poter aver a che fare con persone che dicono quello che pensano". E sul futuro assicura: "Voglio ancora allenare, ho voglia di rimettermi in gioco: 3 mesi non possono cancellare 35 anni di carriera". A parlare, per la prima volta in tv dopo il suo addio alla Nazionale, è l'ex ct azzurro Gian Piero Ventura.

Share