Chiusura dei porti, le conseguenze legali per l’Italia

Share

Nel 2010 negli Open centre erano accolti in 2.220, poi i numeri sono diminuiti: 604 nel 2015, 673 nel 2016, 907 nel 2017. Tuttavia il governo maltese, responsabile di una zona vastissima, si è avvalso sinora della cooperazione dell'Italia per il pattugliamento della propria zona di responsabilità: nella prassi il Centro di Coordinamento regionale Sar maltese non risponde alle imbarcazioni che la contattano né interviene quando interpellato dal Centro di Coordinamento regionale Sar italiana. "Le condizioni all'interno della nave sono buone, ci sono viveri e stiamo aspettando una risposta ufficiale da Malta". Per fare chiarezza, abbiamo chiesto al professor Roberto Virzo, docente di diritto internazionale all'Università del Sannio e alla Luiss di Roma, di spiegare i punti controversi che hanno portato allo scontro tra Italia e Malta e qual è il ruolo dell'Unione europea in questa fase. Così come, se confermata, ci pare sbagliata la dichiarazione di estraneità del governo maltese.

Rotta su Valencia, in Spagna, dove arriverà tra quattro giorni.

Il ruolo della vittima, inaugurato da Renzi e sviluppato con grande impegno dall'ex Ministro Minniti, poco si adatta alla realtà e ai numeri che con testardaggine raccontano una storia diversa dalla propaganda elettorale leghista e non solo. Lo scrive in un tweet Dimitris Avramopoulos, commissario europeo per le politiche migratorie.

Matteo Salvini cita spesso "l'Europa" come matrigna che ha abbandonato l'Italia al suo destino nella gestione dei flussi migratori.

Medici senza frontiere "teme che ancora una volta la politica degli stati europei sia posta al di sopra delle vite delle persone. Sarò curioso di vedere se tutte queste cooperative e solidali di professione continueranno ad essere accoglienti se incasseranno di meno".

Volo Roma-Chicago atterra in Irlanda per allarme bomba
Un aereo della United Airlines in volo da Roma a Chicago è stato dirottato in Irlanda per un problema di sicurezza. Per i passeggeri si prospetta una notte in hotel, con nuova partenza per Chicago alle 15 di domani.

Se è scafista chi vende per agevole un'azione rischiosa, potenzialmente mortale, minimizzandone i rischi e normalizzando il dolore allora per il governo italiano, guidato da quei due, è stato un'ottima banda di scafisti: ci hanno detto che le persone "stanno tutte bene" su una barca in cui sta terminando il cibo, dove ci sarebbero almeno una quindicina di donne incinta, alcuni feriti per le angherie subite. "Stiamo lavorando a garanzia dei rifugiati veri perché questo enorme spreco di denaro e tempo ha come prime vittime donne e bambini che scappano dalla guerra", ha concluso.

Ma, anche in questo caso, il riferimento è alle 629 vite a cui si è negato lo sbarco.

"Ringraziamo davvero la Spagna e il premier Pedro Sanchez che hanno deciso di accogliere la nave Aquarius". E questa è un'argomentazione che può essere parzialmente condivisibile. "Ho già dato la nostra disponibilità al ministro dei trasporti, Danilo Toninelli, e ne ho parlato con il presidente della Camera Roberto Fico".

Salvini non ha dubbi nel definire "un nuovo inizio", la scelta di non far attraccare in un porto italiano la nave. "Siamo loro grati" m ha detto, "perché tra gente che sta in mare ci si capisce: siamo tutti focalizzati sullo stesso obiettivo, salvare vite umane".

Oltre a denunciare quel che di falso e strumentale c'è nelle parole del Ministro Salvini, occorrerà mettere in campo un'opposizione sociale all'altezza della sfida.

Share