Corona: "Salvini ministro dell’Interno? Io posso fare quello della Giustizia"

Share

In primo grado Corona era stato condannato a un anno per un illecito fiscale ed era stato assolto, invece, per le altre accuse tra cui quella più pesante di intestazione fittizia dei beni.

Fabrizio Corona si presenta al processo d'appello in cui e' imputato per il 'tesoretto' nascosto nel controsoffitto di una sua collaboratrice mano nella mano con Silvia Provvedi, la giovane cantante del duo 'Le Donatella' a cui era legato durante il suo ultimo periodo in carcere. Quello che dovevo dirgli gliel'ho detto - ha aggiunto e, rivolta a Fabrizio impegnato a spiegare la sua versione ai giornalisti con toni accalorati: "Parla troppo, spero che non parli troppo". Così Fabrizio Corona all'ingresso al tribunale di Milano.

Non poteva mancare una sua valutazione sull'attualità: "Con questo presidente del Consiglio e questi ministri che ci sono il ministro posso farlo anch'io, se Salvini è ministro dell'Interno io posso essere ministro della Giustizia", seguita dal tweet del ministro: "Ci mancava pure Corona".

Melania dà forfait, Trump da solo al G7 e da Kim Jong-un
I video e le foto pubblicate sui social medie mostrano la first lady con un abito nero senza maniche. Si è sottoposta a chirurgia plastica e i tempi di recupero sono più lunghi.

L'ex fotografo dei Vip ha rilasciato dichiarazioni come sempre esplosive, entrando a gamba tesa nel dibattito politico e scatenando un duro botta e risposta con il neo ministro degli Interni, Matteo Salvini. Ma oggi ci sono.

Più volte in aula, davanti ai giudici della seconda sezione d'appello, Corona si è lasciato andare a gesti di nervosismo e ha sbottato, mentre il sostituto pg interveniva per chiedere la riapertura del processo e la successiva condanna a 2 anni e 9 mesi (più 15mila euro di multa) con la confisca di tutti i contanti. Subito dopo la richiesta, Corona ha commentato in aula: "La legge la conosco bene io, ci vuole onesta' intellettuale" e il pg ha ribattuto: "Corona non butti al vento il suo percorso di recupero con queste dichiarazioni".

La reazione di Corona, uscito dall'aula, è stata dura, durissima. In prima istanza, il pg ha chiesto di riaprire il dibattimento con l'ascolto di due testimoni: Geraldine Daru', che accuso' l'ex agente fotografico sui circa 2,6 milioni trovati in un controsoffitto e in Austria e Francesca Persi, coimputata e per la quale ha chiesto 1 anno e 7 mesi. In aula si torna il 21 settembre.

Share