Decreto dignità, Luigi Di Maio affonda il calcio italiano

Share

Al di là del nome "spot", nella sostanza il decreto si rivolge a lavoratori e imprese ed è destinato ad introdurre alcune novità significative in materia di lotta alla precarietà, sanzioni per le imprese che hanno ricevuto aiuti di Stato e scelgono di delocalizzare (anche all'interno dell'Unione Europea) e contrasto alla ludopatia. Fino a questo nulla da contraddire ovviamente, perché il gioco d'azzardo rovina tantissime famiglie e crea grandi preoccupazioni riducendo tante persone sul lastrico.

Decreto dignità, il disegno di legge proposto da Di Maio sarà un duro colpo per gli introiti del calcio italiano. Questi 70 milioni in meno, influenzeranno il sistema in questa maniera, secondo quanto spiegato dall'agenzia specializzata Agipro: "Il meccanismo è semplice: il prodotto calcio aumenta o diminuisce di valore di pari passo con le prospettive pubblicitarie che può offrire". Ben undici squadre su le venti di Serie A hanno un betting partner, basti pensare che Bwin in passato ha sponsorizzato addirittura la Serie B, una Lega vera e propria. Planetwin365 ha un accordo con Napoli, Cagliari, Sampdoria, Lazio, Genova e Udinese, Eurobet è su molti tabelloni luminosi, Betfair invece sponsorizza la nostra Juventus, la Sani il Milan e la Roma.

Inter, accelerata per Politano: accordo col Sassuolo, operazione da 25 milioni
Si tratta dell'ultimo tassello per raggiungere i 45 milioni di plusvalenze richiesti dall'Uefa per il Fair Play Finanziario. Insomma un giocatore duttile e bravo a creare la superiorità numerica, più che un alternativa ai vari Candreva e Perisic.

Si tratta dunque di un eventuale cambiamento che potrebbe portare a delle situazioni particolari e che potrebbero portare a delle riflessioni da fare con grande attenzione. Il divieto si applica anche alle sponsorizzazioni e a tutte le forme di comunicazione di contenuto promozionale non annoverabili fra i consueti messaggi di pubblicità tabellare e comprende le citazioni visive ed acustiche e la sovraimpressione del nome, marchio, simboli, attività o prodotti che promuove il gioco d'azzardo o la scommessa. Una battaglia giusta da parte dello Stato che però va sottolineato porterà delle conseguenze.

Share