Fair play finanziario Uefa: la Roma è ok, rimandata l'Inter

Share

Non esattamente: come riportato sul sito UEFA, infatti, le società possono spendere fino a 5 milioni di euro in più di quanto guadagnano in ciascun periodo di valutazione (tre anni) e possono superare un limite di 30 milioni se il debito viene coperto totalmente da un contributo/pagamento diretto da parte del proprietario (i) del club o di una parte correlata. La Uefa ha reso note le conclusioni sul fair play finanziario.

"Inoltre, il settlement agreement prevede sanzioni operative, come un rapporto massimo del 60% tra costi del personale e ricavi per gli esercizi chiusi al 30 giugno 2016 e 2017 e un livello massimo di ammortamenti e svalutazioni di i costi per l'acquisizione dei giocatori negli esercizi chiusi al 30 giugno 2016 e 2017 non superiori a quelli rilevati nell'esercizio precedente". E quindi dovrà pareggiare i conti. Per questo, le misure condizionali come le restrizioni sui trasferimenti e le limitazioni del numero dei giocatori nell'elenco A, non saranno revocate e continueranno a essere applicate per la stagione 2018/2019. 'Graziato' dalla Uefa, il club francese si mette in moto sul mercato e il primo annuncio, secondo "Le Parisien", sarà quello di Gigi Buffon il cui arrivo portera' alla cessione di uno fra Trapp (a titolo definitivo) o Areola (solo in prestito). La prossima potrebbe comunque essere l'ultima con il regime di settlement, sempre se la società rispetterà le richieste...

Pallotta: "La Roma non c'entra, il progetto stadio va avanti"
Il numero uno giallorosso ha poi aggiunto: " Ho letto tutto sulla stampa , ma la Roma è estranea. Tutto è stato trasparente , la Raggi ha detto che era tutto ok.

La Uefa comunica che la Roma, così come altri club come Krasnodar, Lokomotiv Mosca, Monaco e Zenit San Pietroburgo, ha ottenuto risultati economici e di bilancio in conformità con requisiti e accordi con la Uefa.

Rimane in attesa di giudizio il Psg, con cui la Uefa ha usato una mano leggera.

Share