G7 Canada, Conte d'accordo con Trump: "Russia torni nel G8"

Share

Così il premier Giuseppe Conte a margine del G7 in Canada, al termine delle sessioni e degli incontri bilaterali, prima della dichiarazione congiunta dei leader. "Potrebbe essere politicamente non corretto, ma abbiamo un mondo da gestire e dovrebbero permettere alla Russia di rientrare".

Oltre al ministro dell'Interno e vicepremier Salvini nel parco della residenza dell'ambasciatore russo Sergey Razov c'erano la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Come detto anche da altri partners europei, l'Italia è stata lasciata sola inquesti anni nella gestione dei flussi migratori e questo è inaccettabile. "Ha fatto le congratulazioni a me e al nuovo governo, era molto contento di questa nuova esperienza governativa, che due forze nuove avessero ricevuto consenso elettorale e formato la maggioranza", ha affermato il nostro presidente del Consiglio. "Com'è nelle nostre corde, saremo portatori di una posizione moderata - ha affermato il premier - Cercheremo di capire le ragioni che spingono ad assumere queste posizioni e ci comporteremo di conseguenza". "Sono il portavoce degli italiani". Ma che anche settori di sinistra elevino cori di soddisfazione per un'operazione che ha tutte le caratteristiche di un tentativo di incorporare la Russia in un'alleanza in funzione prevalentemente tesa a contenere l'ascesa della Cina come co-protagonista della scena mondiale, con il relativo rafforzamento dell'egemonia imperialista, a me sembra perlomeno discutibile. "Siamo collocati confortevolmente nella Nato: non è in discussione assolutamente la collocazione internazionale dell'Italia, ma sicuramente siamo per il dialogo e siamo molto attenti che le sanzioni non impattino sulla società civile russa".

Il regno distrutto - Recensione
Un anniversario che la Universal Pictures festeggia con l'uscita del nuovo film della saga dei dinosauri , il quinto capitolo intitolato Jurassic World - Il regno distrutto .

Asafov ha ricordato che durante il vertice ci sono stati anche leader che hanno posto l'accento sull'importanza del dialogo con la Russia nei processi globali. Forse è il caso che si torni a miti consigli con il capo del Cremlino, lo stesso Premier italiano, Giuseppe Conte si dice d'accordo. Dopo aver salutato il 'padrone di casa', il primo ministro canadese Justin Trudeau, Conte ha partecipato inoltre ad una sorta di mini vertice europeo contro i dazi americani promosso dal francese Emmanuel Macron, insieme con Angela Merkel e Theresa May. La Russia ha svolto un buon lavoro nell'ambito della SCO, dei BRICS e, in particolar modo, del G20.

Share