Governo Conte, cosa ha detto Renzi al Senato

Share

La rispetteremo fuori da questa aula quando porterà i nostri colori al G7, a Bruxelles, quando prenderà la parola all'Onu.

Renzi aggiunge: "Noi le garantiamo che la nostra opposizione non occuperà mai i banchi del governo non insulterà mai i ministri della repubblica, non attaccherà mai le istituzioni del nostro paese al grido 'mafia, mafia, mafia'". Del resto, anche l'ex capo del governo francese, il socialista Manuel Valls, lo aveva profetizzato alla vigilia delle elezioni del 4 marzo: "Renzi avrebbe dovuto fondare un suo movimento, in stile Macron, abbandonando il Pd?", gli domandava Repubblica, "Sì, ho fatto lo stesso errore", aveva ammesso Valls, anch'egli ridotto al ruolo di semplice parlamentare e ormai considerato vecchia promessa del sistema politico francese, "la socialdemocrazia, e i partiti che l'hanno incarnata, appartengono al passato". Non sono d'accordo con la frase di Di Maio, perché è di Luigi XIV ed è vero che avete fatto la storia almeno otto volte almeno in 89 giorni ma voi non siete lo Stato, siete il potere, siete l'establishment.

Nelle settimane scorse, racconta il Corsera, Renzi era già volato in Kazakistan per tenere uno speech, pochi giorni dopo essere già stato in Qatar, assieme al fidato Marco Carrai, per incontrare l'emiro Tamim Bin Hamad al-Thani, che gestisce un fondo sovrano da 250 miliardi di dollari. "E, lasciatemelo dire, il continuo riferimento culturale a alcune espressioni che, non so se potranno finalmente portare al "governo del cambiamento", intanto è cambiato il vocabolario e lo considero un passo in avanti".

Roland Garros, impresa Cecchinato: l'azzurro ai quarti di finale
Poi la rimonta, inattesa e velocissima, fino al tie break: che mette a dura prova le coronarie non solo mie. Era dal 1978 che un tennista italiano non raggiungeva la semifinale di uno Slam .

"Perché voteremo contro? Perché questo contratto è scritto con inchiostro simpatico". "Hanno promesso sogni da 100 miliardi: il reddito di cittadinanza ne vale 20, la Flat tax 60, quota 100 vale 16, le clausole Iva 12 - sottolinea Renzi -". Non so se cambierete il Paese. "Io di cuore vi auguro in bocca al lupo, non vi faremo sconti ma saremo sempre dalla vostra parte quando difenderete gli interessi del Paese", conclude l'ex segretario del Pd. Ci dia una mano, guida l'ordine pubblico ed è responsabile della sicurezza di tutti noi. Parli da padre sapendo che i figli ci ascoltano. "Voglio che risuoni il nome di Mor e Modou uccisi da un italiano razzista a Firenze quando ero sindaco, in risposta a chi ha detto che "la pacchia è finita".

"Pensiamo che in quei banchi ci sia la coalizione di domani - spiega Renzi -, noi siamo un'altra cosa".

Dalle proposte di natura economica, enunciate prima durante la campagna elettorale e poi nel programma che ha sancito l'alleanza tra Lega e M5S, Renzi contesta le visioni dei due gruppi circa i diritti civili, l'Europa e l'immigrazione.

Share