Governo ultime notizie, sui migranti Salvini esige le scuse dalla Francia

Share

"Ciò che penso è che la posizione, la linea del governo italiano, fa vomitare", "è inammissibile fare della piccola politica con delle vite umane come accade in questo momento".

Lo sconto con i transalpini è durissimo. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, annulla il viaggio in Francia e l'incontro con il Presidente francese, Emmanuel Macron. Del resto Roma era stata chiara: senza le scuse francesi, l'incontro sarebbe saltato.

Dalla Francia è arrivata una nota di poche righe, molto lontana però dalle attese scuse.

Altri dettagli affiorano dalle analisi che sono state fatte fra Palazzo Chigi e Farnesina sulla posizione di Macron. Conte oggi non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla vicenda Aquarius e sullo scontro con Parigi. Mentre Salvini è intervenuto per tutto il giorno, rivolgendosi direttamente al leader francese per chiedere a più riprese un passo indietro della Francia. Utilizzando dunque un linguaggio forte rispetto alla normale dialettica tra due Paesi i cui rapporti sono stati sinora più che distesi. In Francia se ne facciano una ragione, la musica qui è cambiata davvero. "La Francia ci dice che siamo cinici - ha aggiunto - ma dal 1 gennaio al 31 maggio ha respinto alle frontiere 10.249 persone, comprese donne e bambini disabili". 'Non dimentichiamo chi ha parlato e con chi abbiamo a che fare'.

Inter, perché Nainggolan è un'occasione
I rapporti tra l'Inter e il procuratore del trequartista, Beltrami , sono molto buoni, e il caffè preso a Milano con il d.s. Un colpo che andrebbe a sistemare il centrocampo a disposizione di Luciano Spalletti .

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Anzi, appena insediato al Viminale, il neo ministro si è trovato ad affrontare la faccenda Aquarius e la novità nella gestione del caso ha colpito i partner europei che si sono lasciati andare a reazioni prima stupite e poi stizzite. Come dire, il problema non è l'Italia, ma proprio il governo giallo-verde. Al Parlamento europeo poi la plenaria sul caso Aquarius si è trasformata in un vero e proprio processo contro l'Italia, accusata - a partire dal leader dell'Alde Guy Verhofstadt - di populismo e nazionalismo e paragonata a Ungheria e Polonia. "Mi auguro e spero che eserciti la sua generosità anche nelle prossime settimane, avendo spazio per farlo" ha detto il Salvini ricordando che l'Italia accoglie 170mila migranti e la Spagna 16mila. In dubbio anche quello di venerdì del presidente Conte all'Eliseo. Il presidente del Consiglio aspettava le scuse, anche informali, del presidente francese Macron, "conditio sine qua non" perché non cancellasse la sua visita di venerdì a Parigi.

Ecco: è con questa materia politica che l'Ue si ritrova ad avere a che fare oggi.

"Chi parti' per bombardare la Libia?" Chi sta facendo concorrenza, leale o sleale, chi sta cercando di destabilizzare quel Paese? "Amici amici, ma fessi no" è quanto affermato dal ministro leghista nel corso di un'intervista al programma radiofonico "105Matrix". "Gli italiani non hanno niente da imparare in termini di solidarietà". Il governo "sta allontanando le soluzioni", secondo l'ex ministro dell'Interno Marco Minniti.

Share