Il Signore degli anelli: Amazon chiarisce i rumor su Peter Jackson

Share

Il personaggio di Aragorn, in effetti, ha una lunga storia alle spalle quando incontra Frodo ed i suoi compagni per la prima volta: di origini umili, scappò con la madre da piccolo perché non conoscesse la verità su se stesso, ed ha vissuto lontano dal mondo; a Gran Burrone prima, sotto la protezione di Elrond, dove ha conosciuto l'amore della sua vita Arwen, e poi da solo diventando il Ramingo conosciuto come Grampasso che sfugge al suo destino di re perchè spaventato dallo stesso sangue che scorre nelle sue vene, simbolo del suo legame dinastico all'uomo che tanto tempo prima permise all'Unico Anello di sopravvivere, con conseguenze che ormai conosciamo bene.

Si tratta di uno dei progetti più costosi per una piattaforma streaming, in questo caso Amazon.

Alcune voci hanno diffuso l'idea che la serie avrebbe caratterizzato una trama sul giovane Aragon, anche se la dichiarazione di Salke suggerisce che nulla è finalizzato a questo punto.

"Siamo in contatto con lui che penso sia molto disponibile al riguardo" Ha rivelato Salke.

Milan, Elliott sarà rimborsata. E il nuovo socio arriva entro fine mese
La notizia è filtrata nelle ultime ore: Li Yonghong ha trovato l'agognato socio di minoranza , scrive La Gazzetta dello Sport . Di fatto, martedì prossimo l'ad Fassone sarà ascoltato a Nyon dalla Camera giudicante che di lì a breve emetterà il verdetto .

Ed ha continuato: "Siamo davvero emozionati riguardo Il signore degli anelli". Stiamo parlando con gli autori. Ci sono un sacco di elementi mobili. Per questi ultimi, Amazon ha raggiunto un accordo con Warner Bros. e la Fondazione Tolkien con una clausola che prevede la realizzazione della serie TV entro due anni dall'inizio della produzione.

Il progetto sarà grandioso ma non un remake della saga di Peter Jackson. Non lo abbiamo ancora delineato precisamente.

Per quanto riguarda Peter Jackson, il contributo dell'attore non è ancora certo: "La discussione con Peter Jackson è in corso. Lui potrebbe dire di essere coinvolto o no. Stiamo ancora parlandone". Mi sono incontrata con tre o quattro diversi gruppi di sceneggiatori. Quando lo abbiamo annunciato, molti agenti di scrittori e anche editori britannici ci hanno contattato per proporre i loro assistiti.

Share