In vigore in Francia la legge che vieta i cellulari a scuola

Share

Troppi telefonini in classe, troppe distrazioni per i giovani alunni.

Vietare il telefono cellulare tra i banchi di scuola: la promessa elettorale del presidente francese, Emmanuel Macron, si è tramutata in una proposta di legge del partito di maggioranza La République En Marche che sbarca oggi all'esame dell'Assemblea Nazionale di Parigi, per una possibile applicazione già dal prossimo settembre.

L'esecutivo, ovviamente soddisfatto per la positiva conclusione dell'iter, ha affermato che l'approvazione della normativa "è un segnale lanciato alla società". Contrari tutti gli altri gruppi politici che hanno parlato di una proposta "inutile", un "imbroglio" che diventa una "semplice operazione pubblicitaria".

Italia salda nella Nato, ma pronta ad aprire alla Russia
Dal canto suo la Nato avverte l'Italia: sì al dialogo con la Russia, ma le sanzioni restano. Torna sulla vicenda delle sanzioni alla Russia il viceremier Luigi Di Maio .

La legge prevede il divieto assoluto d'utilizzo degli smartphone a scuola tranne che per usi pedagogici e nei luoghi dell'istituto in cui l'uso è autorizzato espressamente dal regolamento interno.

"Credo che questo sia fattibile per ogni gruppo umano", disse. Inoltre, secondo il codice dell'Educazione, telefonare durante le lezioni è vietato ovunque già dal 2010.

Share