La nave Aquarius verso la Spagna, Salvini oggi riferisce in Senato

Share

Con questa premessa il ministro dell'Interno Matteo Salvini, nel corso della cerimonia per la fine dell'anno accademico della Scuola di perfezionamento delle forze di polizia, ha ricordato quello che, secondo lui, è il maggior problema per gli agenti.

Intanto la Farnesina ha fatto sapere che a seguito delle dichiarazioni rilasciate ieri a Parigi sulla vicenda Aquarius, il ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi, ha convocato questa mattina l'ambasciatore di Francia in Italia. "Sono stufo dei bambini che muoiono nel Mar Mediterraneo perché qualcuno in Italia li illude che c'é un futuro". "L'Italia non può accettare lezioni e gli insulti dei francesi, di cui e' inutile ricordare i comportamenti inumani a Bardonecchia e Ventimiglia, e il lavorio sottobanco per il controllo della Libia" dice il ministro dell'Interno, sottolineando che senza scusa il premier Conte fa bene a non andare a Parigi venerdì per il verice con il presidente francese. Poco dopo un altro senatore del Pd, Faraone, in segno di protesta ha anche alzato un cartellone 'fai da te' (un foglio di carta formato A4) che ha dovuto subito riporre su invito del presidente Casellati.

Ancona, sieropositivo da 11 anni ma aveva rapporti non protetti: arrestato
La polizia lancerà un appello per individuare le potenziali vittime, contattate da lui anche attraverso chat e social network. L'arresto è stato eseguito dagli agenti della squadra mobile e adesso l'uomo si trova nel carcere di Ancona .

"Non mi dà fastidio Macron figuriamoci dei cartelli in Aula.", ha risposto Salvini. Troppo tempo. Nel 2018 ci sono state 42mila domande d'asilo, solo a 7 su 100 viene riconosciuto lo status di rifugiato politico, più un 4% di protezione sussidiaria. "La maggioranza delle domande viene respinta perché non ha fondamento". Nonostante ciò "gli italiani chiedono ancora risposte" ma possono contare "su forze di polizia efficienti" e su un sistema di sicurezza che "molti Paesi ci invidiano". In fondo l'Europa ha voltato gli occhi rispetto alla realtà italiana.

Share