Microsoft spende 7,5 miliardi per la piattaforma degli sviluppatori

Share

L'ufficializzazione è arrivata: Microsoft ha annunciato di avere raggiunto un accordo per comprare GitHub per una cifra pari a 7,5 miliardi di dollari (tutti in azioni). In una raccolta fondi del 2015, GitHub fu valutata 2 miliardi e ciò rende l'idea del progresso registrato. Nat Friedman di Microsoft diventerà l'amministratore delegato del gruppo.

Il noto repository di codice annovera una community di 28 milioni di sviluppatori e conserva 85 milioni di progetti software. Tuttavia non è mai riuscito a fare profitti: le entrate arrivano dagli abbonamenti che - rispetto all'accesso gratuito - per 7-21 dollari al mese permettono di avere accesso a maggiori funzioni. Dopo la diffusione della notizia dell'acquisizione da parte di Microsoft, molti utenti del sito hanno espresso preoccupazioni sulla possibilità che il sito subisca delle trasformazioni in negativo.

"Unendo le forze con GitHub rafforziamo il nostro impegno alla libertà, all'apertura e all'innovazione per lo sviluppo".

Wonder Woman 2: Patty Jenkins e Geoff Johns svelano la probabile ambientazione
Nonostante gli eventi con la produzione di Justice League , Zack Snyder è accreditato tra i produttori di Wonder Woman 2 . Si tratta dell'ereditiera di una vasta fortuna di un'antica famiglia sita a Nottinghamshire.

Il fondatore dell'azienda acquisita, Chris Wanstrath, ha detto che "il futuro dello sviluppo di software è brillante".

GitHub è il punto di riferimento open source per i programmatori, usato anche dai grossi colossi del mondo informatico come Google, Amazon e la stessa Microsoft per conservare il codice aziendale e metterlo a disposizione degli sviluppatori che vogliono collaborare al miglioramento.

Microsoft ha precisato che i risultati finanziari di GitHub compariranno nel segmento "intelligent cloud". La scelta di Microsoft di acquisire GitHub è coerente con la strategia dell'attuale Ceo di Redmond Satya Nadella, che ha puntato sull'accelerazione dell'open source, marcando così la differenza con la filosofia del suo predecessore Steve Ballmer, in cui l'ecosistema di prodotti e servizi di Microsoft era più blindato.

Share