Molinette: ricostruito un pene usando parte dell’avambraccio

Share

Sotto i ferri un paziente che si era sottoposto ad un precedente intervento in cui l'organo genitale gli era stato amputato. Alla visita urologica la lesione risulta sospetta per un tumore infiltrante del pene. A quel punto scopre di avere un sospetto tumore del pene, diagnosi poi confermata dalla biopsia, che lo costringe a sottoporsi a un intervento altamente demolitivo, con l'asportazione della quasi totalità del pene e dei linfonodi inguinali. A 5 anni di distanza è considerato guarito dal tumore ma, data la giovane età e la compromissione di qualunque vita sociale, è caduto in depressione.

Intervento sofisticato, e delicatissimo alle Molinette, dove è stato ricostruito il pene di un paziente, amputato a seguito di un tumore, con un lembo di avambraccio sinistro.

L'intervento, durato circa 8 ore, è stato effettuato all'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino ed è perfettamente riuscito. Il caso sarà meglio raccontato nel corso del Meeting internazionale di Chirurgia genitale, ricostruttiva e robotica, previsto il 31 maggio e l'1 giugno, nell'Aula magna delle Molinette.

Prossimamente, con il passare di alcuni mesi, si provvederà all'installazione di una protesi idraulica del pene che restituirà al paziente la possibilità di avere nuovamente una vita sessuale attiva.

Jamie Foxx interpreta Spawn nel reboot di Todd McFarlane
Ora, ecco una grande novità in proposito: come confermato nelle ultime ore, a interpretare l'iconico personaggio nella nuova trasposizione sarà niente di meno che Jamie Foxx , attore premio Oscar per Ray e protagonista di altri celebri film come Django Unchained o Collateral .

La ricostruzione del pene è stata eseguita dall'equipe ricostruttiva genitale del professor Paolo Gontero, composta da Marco Falcone e Massimiliano Timpano, e dal microchirurgo Davide Ciclamini. Esperti di fama mondiale interverranno con l'esecuzione di interventi in diretta di ricostruzione di complesse anomalie dei genitali e dell'uretra.

"A distanza di due mesi dall'intervento - commenta Gontero - possiamo dichiararci soddisfatti per la riuscita dell'intervento che ha restituito al paziente la sua mascolinità".

Il tumore del pene é un evento raro, ma che può causare gravi menomazioni dei pazienti, soprattutto quelli colpiti in giovane età. Gli andrologi dell'Urologia delle Molinette per ricostruire l'organo sessuale hanno prelevato dall'avambraccio un lembo di cute e parte del tessuto sottocutaneo, compresi nervi e vasi sanguigni necessari per la vitalità e la sensibilità dell'organo.

Share